Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Il dossier sul dlgs Etichette: manca qualcosina, dicono

etichette alimenti 10 maggio 2017

ROMA (Public Policy) - Nel dlgs che disciplina le informazioni da inserire nelle etichette degli alimenti preimballati manca la sanzione nel caso in cui l'indicazione della sede di stabilimento sia sbagliata o incompleta. Lo sottolinea un dossier della Camera.

Il provvedimento è attualmente all'esame delle commissioni Agricoltura di Camera e Senato dove l'espressione del parere è atteso entro il 6 giugno.

In particolare, il dlgs 'Disciplina dell'indicazione obbligatoria nell'etichetta della sede e dell'indirizzo dello stabilimento di produzione o, se diverso, di confezionamento', introduce l'obbligo di indicare in etichetta la sede dello stabilimento o di confezionamento degli alimenti preimballati destinati al consumatore finale (quelli venduti per essere preparati, trasformati, frazionati o tagliati e per quelli commercializzati in una fase antecedente alla vendita al consumatore finale, l'indicazione può essere riportata sui documenti commerciali che accompagnano l'alimento).

Il provvedimento prevede specifiche sanzioni in caso di non rispetto delle prescrizioni. "Si segnala che le fattispecie sanzionatorie" nell'articolo specifico del dlgs "fanno riferimento ai soli casi di omissione dell'indicazione o della punzonatura senza includere l'ipotesi di errata o incompleta indicazione della sede di stabilimento", si legge nel dossier. (Public Policy) FRA

© Riproduzione riservata