Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Due terzi dei cristiani hanno lasciato Aleppo, in Siria

siria 19 febbraio 2015

ROMA (Public Policy) - "Due terzi dei nostri fedeli, cristiani, armeni, ortodossi, cattolici e protestanti, hanno lasciato Aleppo. Possiamo chiamarlo un esodo. Noi come capi religiosi che facciamo? Rimaniamo o partiamo? È una questione molto difficile e alla quale è ancora più difficile rispondere. Due anni fa noi dicevamo ai nostri fedeli: rimanete, arriverà la pace. Oggi non possiamo dirlo più, lasciamo a loro la scelta perchè sono in grande pericolo".

Lo ha detto durante un'audizione al comitato permanente dei diritti umani (commissione Esteri alla Camera), l'arcivescovo armeno cattolico di Aleppo Butros Marayati. Il religioso ha precisato come due terzi di Aleppo siano in mano "ai ribelli, che ormai sono jihadisti, terroristi. Il resto è in mano all'esercito governativo. La guerra continua in città, da una parte l'esercito lancia" bombe "contro i due terzi, dall'altra i jihadisti lanciano missili sul resto". (Public Policy) GAV

l'audizione completa, in abbonamento.

© Riproduzione riservata