Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

ELEZIONI, BIONDI (PD): I VOTI DALL'ESTERO IN UN CAPANNONE VICINO ROMA

12 febbraio 2013

(Public Policy) - Roma, 12 feb - "Europa 'politica', Europa
'geografica' o Europa 'a più velocità' sono discussioni
senza senso nella grande circoscrizione 'Estero': la
cittadinanza italiana e la registrazione all'Aire (Anagrafe
italiani residenti all'estero) sono gli unici criteri per
aderire a questa nuova Unione... e poi votare.

In questi giorni, attraverso una più o meno efficiente libera
circolazione di schede elettorali, un numero non ancora ben
definito di cittadini italiani ha già votato o sta votando,
scegliendo anche il nome del suo candidato". E dove vanno a
finire le schede? "In un capannone a Castelnuovo di Porto,
provincia di Roma".

Lo scrive nel suo blog sull'Huffington Post Andrea Biondi,
capolista alla Camera Pd per la circoscrizione Europa. Un
capannone, scrive, "dove la Protezione civile fa le prove su
come montare il più rapidamente possibile una tendopoli,
sarà lì che convergeranno le nostre schede elettorali non
solo dall'Europa ma anche dalle altre circoscrizioni:
America, Africa, Asia, Oceania e Antartide".

"Non sarebbe meglio - si chiede Biondi - invitare il
ministro Cancellieri e la società civile tutta a rafforzare
i propri sforzi nel vigilare che tutto proceda nel pieno
rispetto della legalità in quel di Castelnuovo di Porto? Se
lo meriterebbero tutti i nostri connazionali che in questi
giorni stanno facendo il loro dovere di elettori". (Public
Policy)

GAV

© Riproduzione riservata