Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

ELEZIONI, I RADICALI: NON BASTA UN OSSERVATORE OSCE, CE NE VOGLIONO 10

07 febbraio 2013

(Public Policy) - Roma, 7 feb - Un solo osservatore Osce
(Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in
Europa) per monitorare le elezioni in Italia e i Radicali si arrabbiano.

"La notizia del mancato contributo dei Paesi
membri alla missione elettorale dell'Osce per le prossime
elezioni in Italia è molto grave - scrivono Mario Staderini,
segretario di Radicali italiani, e Matteo Mecacci, deputato
radicale, entrambi candidati nella lista Amnistia Giustizia
Libertà - Non solo perché l'Osce ha già compiuto nel 2006 e
nel 2008 tali missioni, ma perché tutto era stato già
predisposto affinché ciò potesse avvenire anche in questa
occasione: ma soprattutto perché le violazioni del processo
democratico elettorale si sono aggravate nel nostro Paese".

"Continuare - aggiunge - a sottovalutare l'automonitoraggio
delle democrazie cosiddette compiute è un errore in cui la
comunità internazionale non può permettersi di incorrere,
come dimostra il fatto che l'osservazione dell'Osce c'è
stata sia per le elezioni statunitensi che per il Regno
Unito. Per questo ci rivolgiamo a tutti i Paesi membri (che
sono 56; Ndr) affinché forniscano i 10 osservatori di lungo
termine necessari per realizzare questa missione di
osservazione elettorale". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata