Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

ELEZIONI, OLIVERO (SCELTA CIVICA MONTI): FINI E CASINI? NON DOBBIAMO GIUDICARE

08 gennaio 2013

(Public Policy) - Roma, 8 gen - "Sono ore molto complesse e
difficili, perché abbiamo una difficile legge elettorale".
Non nasconde le difficoltà nella composizione delle liste
Andrea Olivero, Scelta civica per Monti, ex presidente delle
Acli, da cui si è dimesso per candidarsi nelle liste del premier.

E proprio sulle liste risponde a Tgcom24: "Qualche
sorpresa ci sarà ma non abbiamo ancora le conferme, è
importante che ci sia la novità, non rappresentata da
singoli ma da un gruppo di persone che rappresenta un nuovo
modo di fare politica". Scelta civica per Monti sarà la
lista alla Camera apparentata con Udc e Fli, che appoggiano
il professore in coalizione.

Olivero risponde sull'alleanza con le forze di centro, al
giornalista che domanda come si fa a innovare con Fini (Fli)
e Casini (Udc): "Di consolidato ce n'è in tutte le forze
politiche, da parte di queste forze c'è stata la scelta del
riformismo del professore. Non dobbiamo giudicare gli altri,
la cultura del Centro è stata per troppo tempo conservatrice
ma se accetta la sfida della riforma perché no. È quello che
il professore ha voluto dire in questo anno in cui il Centro
lo ha appoggiato".

"L'idea di rinnovarsi è condivisa - ha concluso Olivero -
oltre tre legislature ci sono solo due deroghe per lista"
riferendosi ai requisiti imposti da Monti per i candidati di
Camera e Senato. Più che agli elettori di destra o sinistra,
il Centro montiano spera di raccogliere consensi tra i
"tanti, troppi, indecisi". (Public Policy)

LAP

© Riproduzione riservata