Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

L'emendamento sulla webtax, riformulato (e approvato)

webtax app iphone 27 novembre 2017

ROMA (Public Policy) - Posticipare l'entrata in vigore della webtax al 2019.

Lo prevede l'ultima versione dell'emendamento alla manovra a firma Massimo Mucchetti (Pd), presentato in commissione Bilancio al Senato e approvato domenica mattina.

Il testo 3 della proposta di modifica approvata, infatti, prevede che la tassa entri in vigore dal 1° gennaio dell'anno successivo a quello di pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto del Mef che individua i servizi su cui si applica la stessa webtax. Questo deve essere emanato entro il 30 aprile 2018.

Calcolando che, come detto, la nuova versione del testo stabilisce che la tassa entri in vigore il 1° gennaio dell'anno successivo a quello di pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto del Mef è verosimile che occorrerà aspettare almeno il 1° gennaio 2019.

Si tratta comunque di uno slittamento. La precedente versione dell'emendamento, infatti, stabiliva l'entrata in vigore il mese successivo a quello di pubblicazione in Gazzetta ufficiale del dm Mef (con una clausola in base alla quale non sarebbe comunque potuta applicarsi prima del 1° luglio 2018).

continua - in abbonamento

FRA

 

© Riproduzione riservata