Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

ENERGIA: ANCORA DUE SETTIMANE PER CONSULTAZIONE SU AGENDA STRATEGICA

13 novembre 2012

(Public Policy) - Roma, 13 nov - Mancano poco più di due
settimane per partecipare alla consultazione online sulla
agenda energetica nazionale, la cui bozza è stata messa a
punto a inizio ottobre dal ministro per lo Sviluppo
economico, Corrado Passera.

Sul sito del ministero, fino al 30 novembre, cittadini e
operatori nei settori interessati possono dire la loro
sull'agenda energetica del Governo, in base alla bozza
presentata. A fine mese il ministero raccoglierà tutte le
proposte e le segnalazioni arrivate "per poi approvare il
testo nel Consiglio dei ministri".

INVESTIMENTI PER 180 MILIARDI ENTRO IL 2020
La bozza della strategia energetica nazionale approntata
dal ministero prevede di centrare gli obiettivi stabiliti
dall'Agenza europea per il 2020, per i quali Passera stima
investimenti pari a 180 miliardi di euro, ripartiti tra i
settori della "green" e "white" economy (rinnovabili e
efficienza energetica) e tradizionali (reti elettriche e
gas, rigassificatori, stoccaggi, sviluppo idrocarburi).

LE SETTE PRIORITÀ DELL'AGENDA ENERGETICA
Sette sono le priorità definite dallo Sviluppo economico,
nell'ambito della Strategia energetica nazionale.
- La promozione dell'efficienza energetica, "per la quale
si prevede il superamento degli obiettivi europei".
- La promozione di un mercato del gas competitivo,
integrato con l'Europa e con prezzi ad essa allineati, e con
l'opportunità di diventare il principale hub
sud-europeo.

- Lo sviluppo sostenibile delle energie rinnovabili, per le
quali si mira a superare gli obiettivi europei (20-20-20),
contenendo al contempo l'onere in bolletta.
- Lo sviluppo di un mercato elettrico pienamente integrato
con quello europeo, efficiente (con prezzi competitivi con
l'Europa) e con la graduale integrazione della produzione
rinnovabile.
- La ristrutturazione del settore della raffinazione e
della rete di distribuzione dei carburanti, verso un assetto
più sostenibile e allineato ai livelli europei di
competitività e qualità del servizio.
- Lo sviluppo sostenibile della produzione nazionale di
idrocarburi.
- La modernizzazione del sistema di governance del settore,
con l'obiettivo di rendere più efficaci e più efficienti i
nostro processi decisionali.

INDAGINE CONOSCITIVA AL SENATO
Mentre sul sito del ministero dello Sviluppo economico si
possono liberamente esprimere i propri rilievi sulla bozza
di agenda energetica messa a punto da Passera, in Parlamento
continua l'indagine conoscitiva sulla strategia energetica
nazionale.

L'indagine va avanti dal 2010 in commissione Industria al
Senato e sta continuando anche in questi giorni con le
audizioni di rappresentanti di settore. Gli ultimi ad essere
stati ascoltati, il 30 ottobre, sono stati Confindustria,
Assomineraria e Federesco. (Public Policy)

VIC

© Riproduzione riservata