Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

ENTI LOCALI, LORENZIN (PDL): PARITÀ UOMO - DONNE NUOVA LINFA ALLA POLITICA

lorenzin 05 novembre 2012

(Public Policy) - Roma, 5 nov - Per la relatrice del testo
unico delle proposte di legge sul riequilibrio della
rappresentanza di genere nei consigli e delle giunte degli
enti locali e dei consigli regionali, Beatrice Lorenzin,
Pdl, il testo modificato dal Senato e ora in seconda lettura
alla Camera non cambia la sostanza della proposta.
La portata della legge è "estremamente innovativa" spiega
Lorenzin nell'Aula di Montecitorio. Per la deputata Pdl la
presenza femminile "rischiava l'estinzione", mentre la legge
se diventerà tale "garantirà un'ampia partecipazione alla
vita politica, sarà una chiamata ai partiti e movimenti".
Per Lorenzin la norma si inserisce in un processo di
rinnovamento e di trasparenza della vita pubblica e
consentirà una "nuova linfa alla partecipazione attiva alla
vita sociale del Paese".
Il sottosgretario del ministero del Lavoro e Politiche
soiali, Cecilia Guerra è intervenuta nel dibattito ribadendo
il "sostegno del Governo al provvedimento" e l'augurio per
una "veloce approvazione".

LA PROPOSTA SULLA RAPPRESENTANZA PARITARIA
La proposta prevede che nelle liste elettorali dei comuni
nessuno dei due generi possa superare la quota di
rappresentanza dei due terzi. Inoltre c'è la possibilità per
l'elettore di esprimere due preferenze, che devono
necessariamente andare a candidati di sesso diverso. Si
introduce anche il principio della parità nell'informazione
politica e nei concorsi per la pubblica amministrazione deve
esserci almeno un terzo di commissarie.(Public Policy)

© Riproduzione riservata