Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Dl Enti locali, salta tassa di sbarco in isole minori

italia 20 febbraio 2014

ROMA (Public Policy) -

14.51 - Dal dl Enti locali salta anche la norma che prevedeva una tassa di sbarco nelle isole minori. La norma, approvata questa mattina in commissione Bilancio al Senato con un emendamento di Ncd, è tra quelle cassate dalla presidenza del Senato che ha cassato più della metà delle modifiche approvate dalla commissione.

La norma prevedeva, come anticipato che i comuni che hanno sede giuridica nelle isole minori e i comuni nel cui territorio insistono isole minori possono istituire, in alternativa alla tassa di soggiorno, un'imposta di sbarco, da applicare fino ad un massimo di 2,5 euro, ai passeggeri che sbarcano sul territorio dell'isola.

10.32 - I comuni che hanno sede giuridica nelle isole minori e i comuni nel cui territorio insistono isole minori possono istituire, in alternativa alla tassa di soggiorno, un'imposta di sbarco, da applicare fino ad un massimo di 2,5 euro, ai passeggeri che sbarcano sul territorio dell'isola.

Lo stabilisce un emendamento di Ncd al dl Enti locali (Salva Roma bis) approvato in commissione Bilancio al Senato. L'emendamento, a prima firma Antonio D'Alì, stabilisce che la tassa di sbarco sia "riscossa, unitamente al prezzo del biglietto, da parte delle compagnie di navigazione e aeree o dei soggetti che svolgono servizio di trasporto di persone a fini commerciali e che sono responsabili del pagamento dell'imposta, con diritto di rivalsa sui soggetti passivi, della presentazione della dichiarazione e degli ulteriori adempimenti previsti dalla legge e dal regolamento comunale". (Public Policy)

VIC

© Riproduzione riservata