Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Eutanasia, Cappato (Radicali): Parlamento guardi alle riforme in Belgio

EUTANASIA, CAPPATO (RADICALI): PARLAMENTO GUARDI ALLE RIFORME IN BELGIO 27 novembre 2013

ROMA - (Public Policy) - "Il voto a larga maggioranza, 13 contro 4, delle commissioni congiunte Affari sociali e Giustizia del Senato belga apre la possibilità anche per i minori di ottenere, su loro richiesta, l'accesso all'eutanasia, previo l'assenso dei genitori e solo nel caso in cui essi siano malati terminali, seguiti da un'équipe medica, in condizioni di sofferenza fisica insopportabile e non mitigabile". Invece, in tema di eutanasia, "il Parlamento italiano, al contrario di quello belga, ha finora deciso di girare la testa dall'altra parte". Lo dichiara in una nota il radicale Marco Cappato, tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni e promotore della proposta di legge di iniziativa popolare per la legalizzazione dell'eutanasia.

Secondo Cappato se l'aula belga confermerà il voto delle commissioni congiunte "si assumerà la responsabilità di non lasciare senza risposta" quei minorenni che "sono sottoposti nella fase terminale della loro malattia a una tortura implacabile e definitiva". In Italia invece "ogni scelta di fine vita è assunta in un contesto di sofferenza, disperazione e clandestinità" anche per i maggiorenni. Infine, sulla proposta di legge di iniziativa popolare, "già depositata alla Camera dei Deputati con 67 mila firme autenticate e certificate", Cappato afferma che è ancora in corso la raccolta delle "sottoscrizioni online su www.eutanasialegale.it". La pdl radicale "fissa il principio generale di libertà e responsabilità nelle scelte di fine vita delle persone maggiorenni", conclude il tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni. (Public Policy)

IAC

© Riproduzione riservata