Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

F35, commissione Difesa Camera chiede moratoria per chiarire criticità e costi

F35 07 maggio 2014

ROMA (Public Policy) - "Una moratoria al fine di rinegoziare l'intero programma" F35 "per chiarirne criticità e costi con l'obiettivo finale di dimezzare il budget finanziario originariamente previsto". È quanto si legge nel documento conclusivo dell'indagine conoscitiva sui sistemi d'arma, approvato mercoledì in commissione Difesa alla Camera. I parlamentari sottolineano come i "molti dubbi che circondavano" il programma F35 "hanno trovato nell'indagine conoscitiva la sede istituzionale più idonea ad una severa verifica e su taluni aspetti anche talune conferme".

A cominciare dallo schema di accordo, che per i deputati "non offre sicure garanzie, dal punto di vista della qualità e del valore, sul piano di ritorni industriali e occupazionali significativi in quanto tali ritorni vengono fatti dipendere dalla 'capacità che avremo di utilizzare le infrastrutture create per attrarre la manutenzione' e buona parte delle maestranze impiegate per l'F35 saranno sottratte all'Eurofighter", il programma 'alternativo' di aerei da caccia, progettati e costruiti da un consorzio di Stati europei.

Inoltre, "non risulta contrattualmente garantita dal principio del 'best value' per le piccole e medie imprese nazionali l'acquisizione di commesse o sub commesse". E ancora: "A fronte degli investimenti impegnati per realizzare lo stabilimento di Cameri (Novara; Ndr) non risulta contrattualmente definito un prezzo per l'assemblaggio delle semiali che garantisca l'ammortamento del capitale investito e un ragionevole ritorno".

Inoltre, per i deputati, "l'occupazione che si genererà a Cameri non può considerarsi aggiuntiva rispetto a quella attualmente già impiegata nel settore aeronautico ma, solo parzialmente sostitutiva; le stime del costo del programma risultano caratterizzate da un indice di variabilità che non può convivere con le esigenze della nostra finanza pubblica; e l'embargo sull'accesso ai dati sulla cosiddetta 'tecnologia sensibile' determina un fattore di dipendenza operativa da istanze politico-industriali statunitensi che risulta, al momento, non superabile". Infine, si legge, "tutte le stime dei costi non tengono conto di quelli aggiuntivi per l'armamento del velivolo". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata