Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Femminicidio, Guerra: 10 milioni per i centri sono cifra "epocale"

one billiong rising 23 ottobre 2013

FEMMINICIDIO, GUERRA: SOLDI AI CENTRI NON VERRANNO TOCCATI

(Public Policy) - Roma, 22 ott - "Il nostro impegno è stato serio, si tratta di un finanziamento significativo, 10 milioni all'anno non sono una cifra spaventosa ma si aggiungono a quelli del decreto 93 (Sicurezza/femminicidio; Ndr)". Così la viceministra del Lavoro con delega alle Pari opportunità Cecilia Guerra commenta con Public Policy il finanziamento alle case rifugio e centri antiviolenza stanziato con il ddl Stabilità. Si tratta di 10 milioni di euro all'anno per i prossimi tre per finanziare il Piano contro la violenza di genere previsto dal decreto e che era stato solo finanziato per quest'anno, sempre con 10 milioni. "I soldi previsti con la Stabilità saranno usati per potenziare la rete dei centri (Antiviolenza; Ndr) e si seguiranno i criteri che ci siamo dati con il decreto 93, partiamo con una consultazione delle Regioni e una prima distribuzione dei fondi per il 2013". Soldi che saranno messi a bando, precisa Guerra.

Le altre azioni del Piano, tra cui formazione per forze dell'ordine, personale sanitario e giudiziario, saranno finanziate in forma di "startup" dalle Pari opportunità e poi messe a regime e pagate dai singoli ministeri, "noi abbiamo un ruolo di coordinamento e pungolo" spiega Guerra. Guerra non ci sta a sentirsi dire che 10 milioni sono pochi se confrontati con altre cifre contenute nel ddl Stabilità: "10 milioni è una cifra epocale, la cosa importante è che il fondo è strutturato, è uno dei pochi ad esserlo, grazie al decreto 93 (Femminicidio/Sicurezza; Ndr). Sulle altre politiche abbiamo finanziamento per un anno, per la tratta 5 milioni, per i minori stranieri non accompagnati abbiamo zero invece. Il fondo per le politiche sociali è stato finanziato quasi alla cifra dell'anno scorso ma le politiche da fare con quei soldi sono moltissime". Conclude Guerra: "Siamo in un momento di ristrettezza e in cui le priorità vanno definite tenendo conto delle diverse sensibilità in questa maggioranza composita".

Per i centri Antiviolenza il decreto 93 stanziava in tutto 27 milioni di euro in tre anni a partire dal prossimo, e 10 in modo permanente dal 2016 sul fondo per le politiche di Pari opportunità del ministero. Nel ddl Stabilità invece si cita un altro Fondo, quello contro la violenza istituito nel 2006, "non ho scritto io la norma, la correggeremo - spiega Guerra - comunque è indifferente, quei soldi serviranno per il Piano". (Public Policy) LAP

© Riproduzione riservata