Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Fisco, la Camera ratifica in via definitiva l'accordo Italia-San Marino

san marino 24 settembre 2014

ROMA (Public Policy) - L'aula della Camera ha approvato in seconda lettura ed in via definitiva - con 488 voti favorevoli e 1 contrario - il ddl di ratifica dell'accordo tra l'Italia e la Repubblica di San Marino in materia di collaborazione finanziaria.

Il ddl autorizza il presidente della Repubblica a ratificare l'accordo che entrerà in vigore dal giorno successivo dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale, a quasi 5 anni dal sigla dell'accordo. Nello specifico l'accordo, firmato nel 2009, prevede la collaborazione tra Italia e San Marino nei settori bancario, finanziario e assicurativo. "La collaborazione -si legge nel testi dell'accordo - sarà prestata senza porre vincoli di riservatezza nello scambio di informazioni tra le autorità competenti".

Tra le altre cose San Marino "si impegna a proseguire e rafforzare il processo di recepimento, nel proprio ordinamento, degli standard internazionali, dei principi e degli istituti rilevanti della normativa comunitaria, ivi compresa quella contro il riciclaggio di denaro ed il finanziamento del terrorismo e quella contro gli abusi di mercato". In questo senso vengono elencate una serie di direttive europee che la Repubblica di San Marino si impegna a recepire.

Entrambe le parti, inoltre, si impegnano a "garantire le condizioni che rendano possibile alle competenti autorità di vigilanza italiane e sammarinesi di svolgere un'efficace vigilanza su base transfrontaliera al fine di tutelare la stabilità, l'integrità e la trasparenza dei sistemi finanziari, cooperando tra loro anche mediante lo scambio di informazioni riservate e lo svolgimento di accertamenti ispettivi congiunti o diretti".

Tra le altre cose previsto anche un impegno alla "segnalazione di operazioni sospette" e alla "trasmissione, anche in deroga al segreto bancario [...] delle informazioni necessarie per l'adempimento degli obblighi in materia di contrasto al riciclaggio e al finanziamento di terrorismo, anche in presenza di soggetti parti di un rapporto fiduciario". Presente anche l'impegno ad una "piena applicazione degli obblighi di adeguata verifica, di registrazione e conservazione dei dati". Infine, Italia e San Marino si impegnano a dar vita a una commissione mista per la verifica e l'aggiornamento dell'accordo. (Public Policy)

NAF

© Riproduzione riservata