Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Flixbus, tra manovra ed emendamenti: la norma che va e viene

norma, comma, articolo, legge 19 maggio 2017

di Francesco Ciaraffo

ROMA (Public Policy) - Come su un continuo tragitto di andata e ritorno, la norma che impedirebbe a Flixbus di operare nel nostro Paese continua ad andare e tornare. L'ultimo mezzo è quello della manovra. Il testo approvato dal Governo lo scorso aprile contiene infatti la norma che cancella quella - contenuta nel dl Milleproroghe - che avrebbe stabilito lo stop ai bus Flixbus. Ma potremmo non essere arrivati al capolinea.

Breve cronistoria. Il decreto Milleproroghe aveva stabilito che solo i raggruppamenti di impresa il cui capogruppo, per esempio Flixbus, esegue come attività principale di trasporto possano ottenere l'autorizzazione a operare. Stop, quindi, alla compagnia low cost che invece è una una piattaforma che si appoggia a società locali per eseguire il trasporto effettivo. Subito l'intervento aveva scatenato polemiche, tanto che era stato approvato un odg allo stesso provvedimento con il quale il Governo si impegnava a correggere la norma. Correzione avvenuta con la manovrina che aveva cancellato, tout court, l'articolo in questione.

Tra gli emendamenti parlamentari alla manovra, però, come riportato da Public Policy, ce ne sono alcuni che chiedono il ritorno alla norma del Milleproroghe, quindi lo stop a Flixbus. Tra i segnalati (quelli cioè su cui i parlamentari puntano di più) ne è sopravvissuto uno. è a firma Stefania Covello (Pd) che ripropone esattamente la norma del decreto approvato a inizio anno.

continua -in abbonamento


@fraciaraffo

© Riproduzione riservata