Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Gas, cosa prevede il regolamento Ue per far fronte alle emergenze

gas 03 giugno 2016

ROMA (Public Policy) - Nel caso di una carenza di gas, gli Stati membri dell'Ue devono avere gli strumenti per gestirla. Per questo serve un "coordinamento regionale rafforzato".

È quanto prevede la proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio su misure volte a garantire la sicurezza dell'approvvigionamento di gas.

Il Regolamento è all'esame della commissione Industria al Senato e Attività produttive alla Camera. Quest'ultima, la prossima settima, ascolterà in audizione l'Autorità per l'energia e Snam.

Ma cosa prevede il Regolamento? Innanzitutto, si stabilisce che le valutazioni regionali dei rischi siano frutto di una stretta cooperazione tra Stati membri (senza la creazione di nuove strutture istituzionali) nell'ambito delle rispettive regioni e che, per garantire la coerenza a livello di Unione, siano effettuate sulla base di una simulazione su scala unionale con norme comuni e un determinato scenario.

I rischi individuati dalle valutazioni regionali saranno affrontati in piani d'azione preventivi e in piani d'emergenza, che dovranno essere sottoposti a valutazione tra pari e approvati dalla Commissione europea.

continua - in abbonamento

FRA

© Riproduzione riservata