Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Giustizia, Gozi: stiamo lavorando al regolamento della procura Ue per i reati finanziari

finanza 18 luglio 2014

ROMA (Public Policy) -  Durante il semestre di presidenza italiana del Consiglio dell'Unione europea, una delle priorità sarà dedicata al lavoro per la stesura del regolamento che isituisce l'ufficio del Procuratore europeo per il contrasto dei reati finanziari ai danni dell'Ue.

Lo ha detto Sandro Gozi, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega agli Affari europei, durante un'audizione alla commissione d'inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali anche straniere.

Gozi ha sottolineato che sul regolamento si sono registrate "forti resistenze" e ha aggiunto che "tenteremo di continuare a lavorare per l'unanimità senza escludere, ma è prematuro deciderlo adesso, il ricorso alla cooperazione rafforzata qualora le resistenze si rilevassero ancora insormontabili. Le prime impressioni che abbiamo avuto - ha specificato ancora Gozi - sono positive".

Il sottosegretario ha specificato che si "sta lavorando su alcuni temi di compromesso, come il consentire alle giurisdizioni nazionali di esercitare un controllo sulle attività della Procura. È uno dei punti che finora sono stati critici e sul quale possiamo sperare di fare alcuni passi in avanti".

Tra le altre priorità indicate da Gozi, la riforma del regolamento di Eurojust (l'Unità europea di cooperazione giudiziaria,; Ndr), lavorare al pacchetto direttiva Appalti, "da recepire entro aprile 2016". (Public Policy)

FRA

© Riproduzione riservata