Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

GIUSTIZIA, GRASSO: INTRODURRE SCONTI DI PENA PER CHI DENUNCIA I CORRUTTORI

voto scambio 08 marzo 2013

PD, proposte per legalità e falso in bilancio

(Public Policy) - Roma, 8 mar - "La corruzione non ha
vittime, non si denuncia, è di difficile accertamento.
Andava adottata una norma per dare la possibilità di avere
sconti di pena per coloro che decidono di denunciare i
corruttori. Delle attenuanti per coloro che decidono di
collaborare con la giustizia".

Pietro Grasso, ex procuratore nazionale antimafia, oggi
senatore Pd, in diretta streaming su YouDem (tv ufficiale
del Partito democratico), critica la modifica del reato di
concussione introdotta dal ddl anticorruzione approvato il 6
novembre 2012.

La nuova legge varata sotto il Governo Monti
distingue fra concussione per costrizione (il pubblico
ufficiale obblighi un cittadino a pagare una tangente) e
concussione per induzione (la tangente sia semplicemente
richiesta).

"Dobbiamo incentivare la protezione di queste persone che
decidono di denunciare la corruzione. Va cambiato l'intero
reato, reintroducendo il reato anche per l'incaricato di
pubblico servizio e non solo per i pubblici ufficiali".
"Quando c'è un abuso del pubblico ufficiale deve esserci
una seria repressione. Con lo spacchettamento del reato di
concussione, è stata abbassata la pena per l'induzione (8
anni, invece che 10), ma anche la prescrizione è stata
ridotta".

RIVEDERE TERMINI PRESCRIZIONE E IL REATO DI CONCUSSIONE
(Public Policy) - Roma, 8 mar - "Bisogna intervenire sulle
norme di sistema, come quella sulla prescrizione. C'è anche
da rivedere il reato di concussione, lo spacchettamento che
la precedente legge ha fatto (ddl anticorruzione approvato
il 6 novembre 2012; Ndr), ha provocato degli effetti come
l'accorciamento dei temi per la prescrizione".
Così Piero Grasso, ex procuratore nazionale antimafia, oggi
senatore Pd, in diretta streaming su YouDem.

"Anche i fatti lontani nel tempo - aggiunge - devono essere
perseguiti. La prescrizione ora arriva troppo presto". In
questo momento di crisi economica, continua, "il costo della
corruzione è insostenibile. Sotto questo profilo abbiamo
avanzato delle proposte. In Italia rimane un grande divario
tra i processi per corruzione, che per la maggior parte sono
prescritti, e l'evasione registrata dalla corruzione (60
miliardi all'anno)".

"PRESTO UN BLOG PER LE PROPOSTE DA PORTARE IN PARLAMENTO"
(Public Policy) - Roma, 8 mar - "La lentezza della
giustizia, la prescrizione, la certezza del diritto sono i
problemi che vanno risolti subito. Sto cercando di mettere a
punto un blog dove affrontare questi problemi. In modo che
cittadini ed esperti possano contribuire con delle proposte
da portare in Parlamento".

Così Pietro Grasso, ex procuratore nazionale antimafia,
oggi senatore Pd, in diretta streaming su YouDem (tv
ufficiale del Partito democratico). (Public Policy)

SOR

© Riproduzione riservata