Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

I lavori del parlamento dopo la pausa estiva

parlamento 25 agosto 2014

ROMA (Public Policy) - L'aula della Camera dei deputati si riunisce domani alle 11, dopo la pausa estiva, per una seduta tecnica di avvio dell'esame del decreto che, tra le altre cose, prevede l'applicazione del Daspo (il divieto di accedere alle manifestazioni sportive) possa essere applicato anche nei confronti di persone che risultano condannate o denunciate non solo per i reati da stadio, ma anche per tutti i delitti contro l'ordine pubblico.

I lavori della Camera riprenderanno poi giovedì 4 settembre, con la discussione generale del dl 109 del 1° agosto 2014 sulla proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia, e le iniziative di cooperazione allo sviluppo. A seguire l'odg prevede la discussione generale delle mozioni Marcon ed altri, e Gianluca Pini e altri concernenti la partecipazione italiana al programma F35; la discussione generale delle mozioni Brambilla ed altri, Gagnarli ed altri, e Vezzali ed altri concernenti iniziative, nell'ambito del semestre di Presidenza italiana del Consiglio dell'Unione europea, per la tutela dei diritti degli animali. E ancora, in calendario è fissata la discussione generale delle mozioni Gallinella ed altri, e Prataviera ed altri sulle iniziative per la riforma dei criteri di formazione del bilancio comunitario, con particolare riferimento al meccanismo del cosiddetto "sconto inglese".

Venerdì 5 settembre il calendario dei lavori dell'aula di Montecitorio prevede lo svolgimento di interpellanze e di interrogazioni. Lunedì 8 settembre l'aula è convocata alle 15 per lo svolgimento di interpellanze urgenti. Il relativo termine di presentazione è fissato alle 12 di giovedì 4 settembre.

Martedì 9 settembre si riunirà la conferenza dei capigruppo per la predisposizione del calendario dei lavori per il mese di settembre. L'inizio dei lavori dell'aula è poi fissato alle 15 per il seguito dell'esame del dl proroga missioni, e della proposta di legge che introduce nel codice penale il reato di depistaggio e inquinamento processuale.

All'ordine del giorno anche il seguito dell'esame della mozione Ottobre e altri sulle iniziative a tutela del cittadino italiano Enrico Forti, condannato e detenuto negli Stati Uniti; delle mozioni sugli F35 e sulla riforma dei criteri di bilancio comunitario. E ancora, è previsto il seguito dell'esame delle proposte di legge abbinate sull'attribuzione del cognome ai figli, in esecuzione della sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo 7 gennaio 2014.

Al Senato

L'assemblea del Senato, dopo la pausa estiva, torna a riunirsi mercoledì 3 settembre alle 17 per la ratifica di accordi internazionali definiti dalla commissione Affari esteri. Si tratta di sette provvedimenti: trattato di estradizione tra Italia e Cina; protocollo sulle preouccupazioni dell'Irlanda relative al Trattato di Lisbona; protocollo facoltativo relativo al Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali fatto a New York il 10 dicembre 2008; scambio di note tra Italia e Istituto internazionale per l'unificazione del diritto privato; convenzione relativa ai trasporti internazionali ferroviari (Cotif); protocollo aggiuntivo sulla convenzione tra Italia e Lussemburgo sulle doppie imposizioni e l'evasione fiscale; accordo tra Italia e Sud Africa in materia di cooperazione di polizia.

In calendario il 3 settembre anche la legge di delegazione europea 2013 secondo semestre, e la legge europea 2013 bis. Giovedì 4 settembre a partire dalle 16 si svolgeranno interpellanze e interrogazioni, e alle 17 scadrà il termine per la presentazione di emendamenti alle leggi europee 2013. Martedì 9 settembre è stata fissata la convocazione, durante la giornata, di una conferenza dei capigruppo per definire il calendario dei lavori nei giorni successivi: tra essi vi sarà l'esame del bilancio interno e del rendiconto del Senato. Nel frattempo, la convocazione per martedì dell'Aula è fissata dalla 16,30 alle 20 per proseguire eventuali lavori non conclusi. Le Commissioni torneranno invece a riunirsi a partire da martedì 2 settembre; potranno essere convocate anche nei giorni precedenti. (Public Policy)

 

© Riproduzione riservata