Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

ILVA-BIS, GLI EMENDAMENTI AL TESTO IN DISCUSSIONE ALLA CAMERA

ilva 28 giugno 2013

ILVA-BIS, M5S: NESSUNA SANZIONE PER CHI NON RISPETTA LE PRESCRIZIONI AIA

Sono 146 gli emendamenti presentati al decreto Ilva-bis
in conversione nelle commissioni riunite Attività produttive
e Ambiente della Camera. Il termine per la presentazione è
scaduto ieri alle 20.

Il decreto, varato dal Consiglio dei ministri il 4 giugno
scorso, introduce nuove norme per il commissariamento delle
aziende che causano danni ambientali (per una durata massima
di 36 mesi), prevede la costituzione di un comitato di tre
esperti per definire un piano di misure per la tutela
ambientale e per garantire il rispetto dell'Aia
(Autorizzazione integrata ambientale). Infine stabilisce il
commissariamento dell'Ilva di Taranto.

TUTTI I LANCI DI PUBLIC POLICY

ILVA-BIS, M5S: AL SUBCOMMISSARIO SIANO ATTRIBUITI ANCHE POTERI PER LA BONIFICA

(Public Policy) - Roma, 28 giu - Al subcommissario sono
attribuiti anche poteri per la bonifica degli stabilimenti
commissariati. Lo chiede il Movimento 5 stelle con un
emendamento al decreto Ilva bis, presentato alla Camera.

ILVA-BIS, PDL: DUE E NON UNO I SUBCOMMISSARI PER LE AZIENDE CHE INQUINANO

(Public Policy) - Roma, 28 giu - Dovranno essere due e non
più uno i subcommissari da affiancare al commissario
straordinario chiamato ad amministrare le aziende che
inquinano.

Lo chiede un emendamento del Pdl al decreto Ilva bis, a
prima firma del deputato Raffaele Vignali.

ILVA-BIS, COMMISSARIAMENTO SOLO PER LE AZIENDE DA 500 DIPENDENTI IN SU

(Public Policy) - Roma, 28 giu - Le aziende inquinanti per
cui può essere chiesto il commissariamento devono avere più
di 500 dipendenti (per il Pd), 5 mila (per il Pdl) e mille
(per Scelta civica) e non più 200 come previsto dal
precedente decreto Salva Ilva del Governo Monti.

Lo chiedono tre emendamenti differenti al dl Ilva bis,
presentati dai deputati Gianluca Benamati (Pd), Raffaele
Vignali (Pdl) e Salvatore Matarrese (Sc).

ILVA-BIS, M5S: SÌ ALLA SANZIONE AIA E INNALZAMENTO DA 50 A 300 MILA EURO

(Public Policy) - Roma, 28 giu - Sì alla sanzione per chi
non rispetta l'Aia, con un innalzamento della multa da 50 a
300 mila euro. Lo chiede il Movimento 5 stelle con due
emendamenti al dl Salva Ilva bis.

In realtà, leggendo gli emendamenti M5s, ce n'è un altro
che sembra andare in direzione contraria, proponendo di togliere la
sanzione Aia. Questione di interpretazioni, fanno sapere
dall'ufficio legislativo del M5s, visto che l'emendamento va
letto in maniera differente.

Nella modifica i 5 stelle fanno riferimento solo ai commi
1, 2 e 4 del decreto Salva Ilva (del Governo Monti),
togliendo di fatto i commi 3 (che prevede la sanzione), 5 e
5 bis. Questo perché i primi (1, 2 e 4), dicono al
Movimento, sono quelli che fanno riferimento ai criteri di
applicazione dell'Aia, in relazione al proseguimento
dell'attività produttiva, quindi quelli che interessano la
prima parte del nuovo decreto in discussione alla Camera.
Togliendo il comma 3 con l'emendamento, aggiungono
all'ufficio legislativo, i 5 stelle non escludono la
sanzione.

ILVA-BIS, M5S E LEGA: COMMISSARIO NON UN AMMINISTRATORE O SOCIO DELL'AZIENDA

(Public Policy) - Roma, 28 giu - Non possono essere nominati
commissari speciali e sub commissari persone (soci o
amministratori) che hanno preso parte alle gestione
dell'azienda che ha causato danni ambientali. Nemmeno
persone che hanno intrattenuto rapporti di collaborazione
(non occasionali) o di consulenza professionale.

Lo chiede un emendamento al decreto Ilva bis, presentato
dal Movimento 5 stelle a prima firma del deputato Mirko
Busto. Richiesta simile è riportata in un altro emendamento
(1.29) a firma dei deputati della Lega Nord Stefano Allasia
e Paolo Grimoldi.

M5s, Lega (e anche Sel) hanno più volte mostrato
perplessità sulla decisione del Consiglio dei ministri di
nominare Enrico Bondi commissario straordinario di Ilva.
Bondi è stato consulente del Gruppo Riva e anche
amministratore delegato dell'azienda.

ILVA-BIS, M5S: NUOVI CRITERI PER SCEGLIERE COMMISSARIO E SUBCOMMISSARIO

(Public Policy) - Roma, 28 giu - Il sub commissario sia
nominato, oltre che dal ministro dell'Ambiente, anche dal
ministro della Salute. Per la scelta del commissario
straordinario, invece, si applichi la procedura prevista dal
dlgs 270 del 1999.

Lo chiedono con due emendamenti distinti al dl Ilva bis i
deputati M5s della commissione Ambiente della Camera. Il
primo (1.4), a prima firma Mirko Busto, chiede che la figura
del sub commissario sia scelta da entrambi i ministri
(Sviluppo economico e Ambiente).

Il secondo emendamento (1.5) chiede che non sia solo il
Consiglio dei ministri a nominare il commissario, ma una
commissione di commissari. L'articolo 38 del dlgs 270 dell'8
luglio 1999 ("Nomina del commissario") prevede che il
ministero dello Sviluppo economico nomini "uno o tre
commissari straordinari" che deliberano a maggioranza sul
nome a cui affidare l'incarico.

La nomina viene poi comunicata al ministero o al tribunale
competente che ha richiesto il commissariamento
dell'azienda.

E ancora: per la nomina i 5 stelle chiedono di fare
riferimento anche all'articolo 39 dello stesso dlgs, secondo
cui devono essere i ministri dello Sviluppo economico e
della Giustizia, tramite decreto, "a stabilire i requisiti
di professionalità e di onorabilità" del commissario
straordinario.

ILVA-BIS, PD: ORLANDO PRESENTI OGNI 6 MESI RELAZIONE SU CONTROLLI ISPRA E ARPA

(Public Policy) - Roma, 28 giu - Il ministero dell'Ambiente
(Andrea Orlando) presenti semestralmente al Parlamento una
relazione sullo stato dei controlli svolti dall'Ispra
(Istituto per la protezione ambientale) e dall'Arpa (Agenzia
regionale per la protezione ambientale) in relazione alle
Autorizzazioni integrate ambientali (Aia) rilasciate alle
aziende che inquinano.

È quanto chiede un emendamento presentato dal Pd al decreto
Ilva bis, a firma del deputato e presidente della
commissione Ambiente della Camera Ermete Realacci.

ILVA-BIS, M5S: VIA LIBERA AI COMMISSARIAMENTI SOLO CON PARERE COMMISSIONI

(Public Policy) - Roma, 28 giu - Il Consiglio dei ministri
può commissariare le aziende che causano danni ambientali e
inquinano, ma solo "previo parere vincolante delle
commissioni parlamentari competenti".

Lo chiede un emendamento al decreto Ilva bis, presentato
dal Movimento 5 stelle a prima firma del deputato 5 stelle
Mirko Busto.

Il testo originale del dl prevede che sia solo il Consiglio
dei ministri, su proposta del presidente del Consiglio, a
deliberare il commissariamento.

ILVA-BIS, M5S: NESSUNA SANZIONE PER CHI NON RISPETTA LE PRESCRIZIONI AIA

(Public Policy) - Roma, 28 giu - Nessuna sanzione per chi
non rispetta le prescrizioni dell'Aia
. Il Movimento 5 stelle
con un emendamento al dl Ilva bis esclude dal primo articolo
del provvedimento il riferimento normativo che prevede la
sanzione (il comma 3 dell'articolo 1 del il primo decreto
Salva Ilva).

Il decreto, varato dal Governo Monti nel 2012, prevede in
caso di violazione dell'Autorizzazione integrata ambientale
una multa pari al 10% del fatturato della società risultante
dall'ultimo bilancio approvato. (Public Policy)

SOR

© Riproduzione riservata