Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Dl Ilva, dossier Camera: il commissario 'irresponsabile' rispetta la Costituzione?

ilva 22 dicembre 2015

ROMA (Public Policy) - Valutare se "l'esonero, ope legis, da ogni forma di responsabilità", del commissario Ilva in relazione alle azioni di pagamento dei debiti prededucibili contratti nel corso dell'amministrazione straordinaria, "possa confliggere con l'azionabilità in giudizio dei diritti e interessi legittimi garantita" dalla Costituzione.

È quanto si legge nel dossier della Camera in merito al dl Ilva, all'esame della commissione Ambiente alla Camera.

Nel dettaglio, il decreto prevede che l'organo commissariale del Gruppo Ilva in amministrazione straordinaria provveda al pagamento dei debiti prededucibili contratti nel corso dell'amministrazione straordinaria.

Il commissario provvede a ciò anche in deroga alla legge fallimentare, ai sensi della quale se l'attivo è insufficiente, la distribuzione deve avvenire secondo i criteri della graduazione e della proporzionalità, conformemente all'ordine assegnato dalla legge.

In relazione alle condotte poste in essere per l'adempimento del pagamento, il commissario è esonerato da responsabilità civili, penali e amministrative.

È proprio su quest'ultimo punto che i tecnici di Montecitorio richiamano l'attenzione: "si valuti se l'esonero, ope legis, da ogni forma di responsabilità possa confliggere con l'azionabilità in giudizio dei diritti e interessi legittimi garantita dall'articolo 24 della Costituzione".(Public Policy) FRA

© Riproduzione riservata