Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Immigrazione, Renzi: Ue ci aiuti o si tenga la moneta unica

renzi 24 giugno 2014

- La risoluzione approvata alla Camera

ROMA (Public Policy) - "Se di fronte alle tragedie dell'immigrazione dobbiamo sentirci dire 'questo problema non ci riguarda', allora tenetevi la vostra moneta ma lasciateci i nostri valori". Lo dice il premier Matteo Renzi nell'Aula della Camera, nel corso delle comunicazioni in vista del Consiglio europeo del 26 e 27 giugno e sulle linee programmatiche del semestre di presidenza italiana del Consiglio dell'Unione europea.

Renzi chiede all'Europa di "gestire in modo unitario e condiviso" il problema dell'immigrazione. "O accettiamo un destino in comune - dice - oppure perdiamo il ruolo dell'Europa. Quando in mare ci sono i cadaveri e si voltano le spalle dall'altra parte, l'Europa non è degna di chiamarsi Europa di civiltà", anche perchè poi pretende di "spiegare al pescatore calabrese che non può pescare in un certo modo". Renzi chiede per questo "l'internazionalizzazione dell'intervento comunitario".

SU MARE NOSTRUM "Chiederemo - dice ancora Renzi - a partire dal vertice di venerdì, che l'operazione Mare Nostrum sia inserita nella dinamica di Frontex plus. L'Europa deve gestire in modo unitario e condiviso il tema immigrazione sapendo che il Mediterraneo è il cuore dell'Europa, non la frontiera".

Renzi ha poi espresso "gratitudine alla nostra Marina, alle donne e agli uomini che lavorano nell'accoglienza alle persone, che di fronte al dolore di questi giorni hanno vissuto con professionalità straordinaria che vorrei il Parlamento ringraziasse".

I CONSIGLI DI AMNESTY "Io la vedrei più come il contrario: inserire Frontex dentro l'operazione Mare Nostrum". Lo dice a Public Policy Gianni Rufini, direttore generale di Amnesty International Italia, che oggi ha presentato a Roma un memorandum alla presidenza italiana dell'Unione europea.

"Se l'Ue e Frontex - spiega ancora - intendono applicare una politica che metta la preoccupazione umanitaria al centro delle scelte delle forze di polizia, certamente potrebbe essere un grosso passo in avanti. Ma servirebbe anche omogeneità di comportamenti, dal Portogallo fino alla Grecia, e servirebbe un sistema davvero coordinato e organizzato e un'omogeneità nei comportamenti anche delle forze di polizia impiegate. Ricordiamoci che in Europa ci sono grandi differenze nel modo di affrontare questi problemi a seconda dei Paesi".

Per Rufini è dunque "Frontex che deve cercare di seguire il modello di Mare Nostrum, che rappresenta un'esperienza positiva anche se non è ovviamente la soluzione finale"(Public Policy)

VIC-GAV

© Riproduzione riservata