Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

INFRASTRUTTURE, DALLA TAV AI VIADOTTI LE LINEE GUIDA DEL MINISTRO LUPI

CIPE, IL MINISTRO LUPI ATTRIBUISCE LA DELEGA AL SOTTOSEGRETARIO GIRLANDA 16 maggio 2013

GOVERNO, LUPI: TRA PD-PDL RIMANGONO DIVERSITÀ, MA PACIFICAZIONE NECESSARIA

L'INTERVISTA DEL MINISTRO AL SOLE 24 ORE

(Public Policy) - Roma, 16 mag - Per la Tav "creeremo una
task force ministeriale sotto la cabina di regia della legge
obiettivo: vi siederanno Regione, sindaci, il commissario
Virano, e avrà grande attenzione alle compensazioni
territoriali". Lo dice in un'intervista all'inserto "Impresa
& Territori" del Sole 24 Ore il ministro delle
Infrastrutture Maurizio Lupi.

Parlando dell'alta velocità Torino-Lione, e dell'assalto No
Tav al cantiere di Chiomonte, Lupi ha precisato: "Il primo
messaggio è che l'opera va avanti, lo Stato ci ha messo
2.930 milioni di euro per poter ratificare il trattato
Italia-Francia [...] Abbiamo imparato molto in questi anni,
anzitutto che non si realizza una grande opera senza un
confronto pubblico e non bisogna criminalizzare nessuna
contestazione, se non è violenta".

Il ddl di ratifica dell'accordo Italia-Francia del 1991 "è
stato già messo a punto dai ministeri degli Esteri e delle
Infrastrutture - aggiunge Lupi - lo porteremo nel prossimo
Consiglio dei ministri, poi ci sarà un dibattito in
Parlamento". Il ministro dice poi che il Governo dovrà
"necessariamente puntare sulle grandi opere, cantierate e
cantierabili [...] spendere risorse esistenti, come i 9
miliardi delle Fs, per accelerare gli interventi partendo
dalle manutenzioni. Sto lavorando anche a un piano Anas da
600-700 milioni per la manutenzione straordinaria di
viadotti e ponti. Ci sono infine 700 milioni da sbloccare
subito per la manutenzione delle scuole".

E sul Ponte sullo Stretto, che era un cardine delle
politiche infrastrutturali dei vari Governi Berlusconi, Lupi
dice: "Il mio giudizio non è cambiato, penso sia un'opera
strategica per il Sud, ma questo non è il mio governo, è un
governo di coalizione e bisogna avere un atteggiamento
pragmatico. Non credo sia il caso di riaprire quella
discussione, mi auguro che si siano verificate tutte le
conseguenze di quella decisione, anche in relazione ai
soggetti privati". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata