Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Le intercettazioni nel ddl Penale: cosa cambierà

intercettazioni 22 maggio 2017

di Sonia Ricci

ROMA (Public Policy) - Sì all'utilizzo dei Trojan, i virus informatici per captare informazioni a distanza tramite tablet, pc e telefoni e più compiti per il pm che deciderà sulle trascrizioni delle intercettazioni.

Sono le principali novità in tema di intercettazioni giudiziarie contenute nel ddl Penale, approvato dalla commissione Giustizia alla Camera e atteso in aula.

Parlando della conversazione sul caso Consip tra Matteo e Tiziano Renzi, il ministro della Giustizia Andrea Orlando, ha insistito perché la riforma venga approvata presto. Quella intercettazione - ha detto a Repubblica - "non doveva stare sul giornale perché non ha alcuna rilevanza penale".

Vediamo nel dettaglio le novità del ddl all'esame di Montecitorio:

TEMPI PIÙ STRETTI

Tre mesi di tempo (e non un anno) per il Governo per esercitare la delega sulle intercettazioni. Le nuove regole dunque arriveranno entro 90 giorni dall'approvazione del ddl.

continua -in abbonamento

@ricci_sonia

© Riproduzione riservata