Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Le regole statali e i contratti online, secondo l'Antitrust

internet 25 novembre 2014

ROMA (Public Policy) - "Alcune condizioni di contratto oggi contano molto di più delle regole emanate dalle assemblee legislative dei singoli Stati", per questo l'Authority "sta esaminando la legittimità della clausola" di parity rate "nei contratti imposti da Expedia e Booking nel settore delle prenotazioni alberghiere online". A dirlo è stato il presidente dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato Giovanni Pitruzzella nel corso del suo intervento, alla Camera, al Governance Forum Italia 2014.

Sulla cosiddetta parity rate, la clausola che vieta agli albergatori di fare prezzi più bassi rispetto ai siti internet di prenotazione online, il governo aveva inserito una norma in una delle prime bozze del decreto Art bonus. Al momento del varo del Consiglio dei ministri la norma venne espunta. Il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini precisò che il tema richiedeva una soluzione europea. (Public Policy)

NAF

© Riproduzione riservata