Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

"In Italia il 50% dei segnali verticali è fuori legge"

stop 17 settembre 2015

ROMA (Public Policy) - "Da indagini ripetute nel nostro mercato di riferimento siamo arrivati alla convinzione che un segnale su due in Italia non è più conforme. Ciò significa che oltre il 50% della segnaletica verticale è fuori legge".

Così Assosegnaletica in audizione davanti alla commissione Lavori pubblici al Senato, sulla delega per la riforma del codice della strada, sottolineando che per la segnaletica orizzontale "non ci sono addirittura i riferimenti di legge perché l'Italia non ha recepito la direttiva Ue e la situazione è ben al di sotto dei livelli minimi europei".

"La segnaletica, quando c'è è malmessa e anche quella nuova viene prodotta male: i segnali o sono troppi o troppo poco visibili - hanno aggiunto - Il suggerimento è spendere meno soldi e produrre segnali più semplici e con una tecnologia più avanzata".

"In Italia siamo anni luce indietro anche su segnali relativi a piste ciclabili, passaggi pedonali davanti alle scuole e nelle strade più pericolose", hanno concluso. (Public Policy) FLA

© Riproduzione riservata