Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

LAVORO, ALLA CAMERA IN ARRIVO TESTO UNICO SU ESODATI DELLA SCUOLA

04 luglio 2013

LAVORO, ALLA CAMERA IN ARRIVO TESTO UNICO SU ESODATI DELLA SCUOLA

(Public Policy) - Roma, 4 lug - Dopo la riunione di ieri in
cui il Governo era assente, la commissione Lavoro alla
Camera
torna oggi a riunirsi per discutere della proposte di
legge sugli esodati della scuola, la cosiddetta "Quota 96".

La commissione attende dal Governo i dati sulle persone
escluse dalla salvaguardia introdotta per i cosiddetti
"esodati", dopo l'entrata in vigore della riforma delle
pensioni
targata Fornero. La relatrice del provvedimento
Antonella Incerti, Pd, è intenzionata ad andare avanti -
riferiscono fonti parlamentari - e a portare oggi in
commissione un testo unificato delle due proposte, una a
prima firma Manuela Ghizzoni (Pd) e l'altra Maria Marzana
(M5s).

LA QUOTA 96
Le proposte di legge mettono in evidenza la specificità
del comparto scuola, rispetto ad altri settori anche
pubblici perché i lavoratori possono andare in pensione un
solo giorno all'anno, il primo settembre, indipendentemente
dalla data di maturazione dei requisiti. Di tale
specificità, sottolineano le proposte, la riforma Fornero,
per la prima volta, non ha tenuto conto. Si parla di quota
96 per quei lavoratori che hanno 60 anni d'età e 36 di
contributi o 61 anni e 35 di contributi.

LA POSIZIONE DEL GOVERNO
Sull'argomento il 6 giugno è intervenuto in Aula a
Montecitorio il sottosegretario al Lavoro Carlo Dell'Aringa
che ha parlato di una "difficoltà di individuare
specificità del comparto scuola tali da giustificare
interventi" e che allargare il trattamento degli esodati
agli insegnanti della scuola sarebbe "difficilmente
armonizzabile con il generale sistema, introdurrebbe una
deroga, e genererebbe maggiori oneri che dovrebbero trovare
copertura adeguata". (Public Policy)

LAP

© Riproduzione riservata