Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

LAVORO, DELL'ARINGA (PD): DOPO LA CIG A MELFI IL GOVERNO CONVOCHI LA FIAT

16 gennaio 2013

(Public Policy) - Roma, 16 gen - La decisione della Fiat di
chiedere la cassa integrazione straordinaria a Melfi per due
anni per ristrutturazione aziendale "dà una certa garanzia
che l'azienda non voglia chiudere". Però, secondo Carlo
Dell'Aringa, candidato Pd e direttore del Centro di ricerche
sui problemi del lavoro e dell'industria dell'Università
Cattolica di Milano, "il Governo dovrebbe convocare la Fiat
e chiedere più dettagli sul piano industriale". Lo dice in
un'intervista al Messaggero.

Per Dell'Aringa i nuovi ammortizzatori sociali (dopo la
riforma Fornero) sono "più generosi nella durata e la platea
è un po' più ampia, però ci sono due punti critici", ovvero
"la parte rimasta sulla carta degli strumenti di politica
attiva" e "l'abolizione della mobilità dal 2016. Da qui al
2020 ci saranno circa un milione di lavoratori che, invece
di andare in pensione con le vecchie regole, dovranno
rimanere al lavoro per effetto della riforma. A meno di una
forte espansione dell'economia, è probabile che una parte di
questi lavoratori venga comunque espulsa dal mercato e dovrà
essere coperta con un ammortizzatore". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata