Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

LAVORO, I DIECI PUNTI DELLA PROPOSTA PDL

15 febbraio 2013

(Public Policy) - Roma, 15 feb - Dagli sgravi sul lavoro,
allo Statuto dei lavori (e non dei lavoratori). Mantenimento
e potenziamento dell'articolo 8 sulla contrattazione,
abrograzione delle norme della riforma Fornero che pone
condizioni più difficili per i datori di lavoro che vogliano
utilizzare contratti di collaborazione.

Sono questi i punti principali in cui è articolata la
proposta sul lavoro del Pdl che mira a maggiore occupazione,
anche di giovani, donne, anziani e disabili attraverso tre
direttrici: "Liberare i lavoratori e le imprese da ogni
freno ideologico - che produce soltanto rigidità e
formalismi - e dal sovraccarico fiscale, investire meglio
nelle competenze di tutti e nelle nuove tecnologie - che
consentono un lavoro più cooperativo superando le logiche di
gerarchia e di controllo del secolo scorso - decidere senza
subire il veto della Cgil".

I DIECI PUNTI DELLA PROPOSTA
La proposta del partito guidato da Silvio Berlusconi si
riassume in dieci punti:

1 - fisco: azzeramento per cinque anni della tassazione sui
contratti di apprendistato e sulle prime assunzioni a tempo
indeterminato dei giovani, vantaggi fiscali per tre anni
alle imprese costituite da giovani e cancellazione del
"fattore lavoro" dal calcolo dell'Irap. Quindi, riduzione
del premio Inail in base alla diminuzione degli infortuni e
al criterio del 'bonus malus';

2 - cancellazione delle disposizioni sui contratti
flessibili introdotte dalla riforma del mercato del lavoro e
realizzazione di uno Statuto dei lavori, testo unico della
legislazione: poche regole, spiega una nota del Pd, da
applicare a tutti, per il resto libertà negoziale;

3 - applicazione dell'articolo 8 sulla contrattazione di
prossimità (introdotto con la finanziaria del 2011) ovvero
la possibilità di contratti negoziati a livello aziendale o
territoriale;

4 - favorire il telelavoro per aiutare la conciliazione
lavoro- famiglia;

5 - collegare il salario ai risultati aziendali, anche per
le piccole e medie imprese e ripristinare per operai e
impiegati la detassazione al 10% fino a diecimila euro;

6 - incentivi fiscali agli accordi aziendali per acquisti
collettivi di generi alimentari, asili nido, spese
scolastiche dei figli, adesione a fondi integrativi per
sanità, assistenza alla disabilità e previdenza;

7 - applicare fino in fondo le riforme Gelmini
(Mariastella, ex ministro dell'Istruzione dell'ultimo
governo Berlusconi) per integrare scuola e lavoro,
semplificazione burocratica per i tirocini formativi e
promozione dello studio della matematica e delle conoscenze
tecnico-scientifiche nei percorsi scolastici;

8- incentivare l'apprendistato e semplificare le norme per
la formazione negli ambienti di lavoro;

9 - organizzazione di uffici di collocamento all'interno
delle scuole superiori e nelle università e rilancio del
ruolo delle agenzie private di collocamento;

10 - creazione di buoni "per servizi di ricollocamento e di
formazione" per i disoccupati, coprire gli ammortizzatori
sociali con adeguate risorse, risolvere il problema esodati,
promuovere i servizi che derivano dagli enti bilaterali,
soggetti privati, costituiti da sindacati e imprese. (Public
Policy)

LAP

© Riproduzione riservata