Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

LAVORO, IL DECRETO PER 10.130 "SALVAGUARDATI"

Stabilità, proposta Pd: allargare il sostegno al reddito 29 maggio 2013

LAVORO, IL DECRETO PER 10.130 "SALVAGUARDATI"

(Public Policy) - Roma, 29 mag - Il decreto che prevede la
salvaguardia per un numero complessivo di 10.130 lavoratori
"salvaguardati" è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale.
Una nota del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali
ricorda che questi lavoratori "si aggiungono alle platee di
lavoratori già individuati dai due precedenti decreti del 1°
giugno 2012 e dell'8 ottobre 2012".

Il contingente numerico contemplato nel provvedimento
comprende, nello specifico: 2.560 lavoratori in mobilità
ordinaria o in deroga; 1.590 autorizzati prosecuzione
volontaria del versamento dei contributi previdenziali;
5.130 cessati, che hanno cioè risolto il rapporto di lavoro
in ragione di accordi individuali o collettivi di incentivo
all'esodo; 850 prosecutori volontari in attesa di concludere
la mobilità.

Il decreto prevede inoltre, per tutte le categorie di
lavoratori, la presentazione di una apposita istanza per
accedere al beneficio da presentarsi: all'Inps, nel caso di
lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria, e alle
Direzioni territoriali del lavoro (DTL) competenti per
territorio, nel caso di lavoratori "cessati" e in mobilità.
Per tutti il termine di presentazione è di 120 giorni dalla
data di pubblicazione del decreto sulla Gazzetta ufficiale
(n. 123 del 28 maggio 2013).

Il decreto interministeriale del ministro del Lavoro e
delle Politiche sociali di concerto con il ministro
dell'Economia e delle Finanze (22 aprile 2013) definisce il
terzo contingente di lavoratori 'salvaguardati', ai quali,
cioè, verrà applicata la normativa in materia di requisiti e
decorrenze del trattamento pensionistico vigente prima della
data di entrata in vigore del Decreto Legge n. 201 del 6
dicembre 2011, convertito, con modificazioni, dalla Legge n.
214 del 22 dicembre 2011. (Public Policy)

SPE

© Riproduzione riservata