Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Lavoro, da maggio 123mila colloqui. Ma per il dato sui contratti occorre aspettare

poletti 11 dicembre 2014

ROMA (Public Policy) - Dalla data di avvio di Garanzia giovani, 1° maggio 2014, si sono registrati al programma oltre 337.400 ragazzi e si sono svolti 123.500 colloqui. Di questi ne sono stati presi in carico più di 113mila. È quanto emerge dai dati forniti dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, durante una conferenza stampa presso il proprio ministero. In base a questi dati, però, "in questo momento", non è possibile stabilire quanti contratti siano stati attivati, ha spiegato Poletti.

"Abbiamo alcuni dati, per esempio sappiamo che il bonus occupazionale ha avuto le prime 500 utilizzazioni", ha aggiunto il ministro. Per quanto riguarda il dato sugli avviamenti al lavoro, invece, "poichè sono a livello regionale e sulle singole misure, abbiamo bisogno di fare un lavoro di raccolta e dar loro un'organicità. È previsto nel nostro report che faremo settimanalmente anche questo dato", ha specificato Poletti.

Garanzia giovani "non ha come finalità la creazione di posti di lavoro, ma il miglioramento dell'occupabilità, quindi creare le condizioni per cui i giovani abbiano più opportunità di trovare un buon posto di lavoro", ha continuato il ministro. La conclusione del Programma, finanziato per circa 1,5 miliardi di cui poco meno di 400 milioni nazionali, è prevista per il 2018, "ma noi lavoriamo per completarlo entro il 2016", ha spiegato il ministro.

"Si è già aperto un ragionamento a livello Ue per renderlo un programma stabile e da rifinanziare", anche perchè, ha aggiunto Poletti riferendosi all'Italia, "stiamo costruendo la macchina che dovrebbe avviare i giovani a cercare lavoro in maniera stabile". Si sta lavorando, inoltre, affinchè all'interno del programma sia possibile utilizzare tutte le forme di apprendistato, fattispecie non prevista al momento, ha concluso il ministro. (Public Policy)

FRA

© Riproduzione riservata