Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Lavoro, Ncd su ddl dimissioni in bianco: non sarà in programma di governo

dimissioni in bianco 21 febbraio 2014

ROMA (Public Policy) - "Il disegno di legge sulle dimissioni in bianco non entrerà nel programma di Governo". Ne è convinto Sergio Pizzolante, deputato del Nuovo centrodestra in commissione Lavoro alla Camera che a Public Policy ha raccontato che "nei documenti che ho visto questo punto non c'era". Dunque il disegno di legge, risultato di un accordo tra Pd e Sel, che era stato calendarizzato prima della crisi per il voto in Aula oggi, potrebbe essere a rischio.

Qualche giorno fa lo stesso Maurizio Sacconi, capogruppo Ncd al Senato, aveva detto: "Noi siamo contrari, sarebbe un bel atto partire da una complicazione della vita delle imprese, anche rispetto alle promesse fatte. Mi auguro che la maggioranza trovi un accordo, prima dell'arrivo di quella legge al Senato, per non farla".

Tuttavia il presidente della commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano (Pd) rassicura e a Public Policy specifica di non meravigliarsi del fatto "che questo disegno di legge non sia nel programma di governo perché è un testo di iniziativa parlamentare, calendarizzato come quota di minoranza per Sel.

Il piano parlamentare e quello governativo ogni tanto si intersecano e non escludo niente, mi limito a rilevare che fintanto che il Parlamento ha la sua autonomia - ha concluso l'ex ministro del Lavoro - questo ddl andrà in Aula, vedremo lì cosa succede". Il Nuovo centrodestra ha annunciato in più occasioni il suo voto contrario al provvedimento che, di fatto, potrebbe essere il primo sul quale la nuova maggioranza di Renzi rischia di spaccarsi. (Public Policy)

NAF

© Riproduzione riservata