Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Lega e 5 stelle contro la Bolkestein: le proposte

mercato 26 aprile 2017

ROMA (Public Policy) - Escludere il commercio al dettaglio su aree pubbliche (ovvero, l’attività di vendita di merci al dettaglio e la somministrazione d’alimenti e bevande) dall'ambito di applicazione della direttiva Bolkestein e modificare la disciplina vigente sui criteri per il rilascio e il rinnovo delle relative concessioni.

L'obiettivo? Tutelare la tipicità del commercio ambulante italiano, escludendolo dalle norme di attuazione della direttiva Ue 123 del 2006, per superare "un’impasse normativa rispetto a quanto sancito dalla normativa nazionale e regionale".

È iniziato nel corso della scorsa settimana, in commissione Attività produttive alla Camera, con la relazione di Chiara Scuvera (Pd), l'iter di due pdl, a prima firma di Ivan Della Valle (M5s) e Stefano Allasia (Lega) che mirano a modificare la disciplina del commercio ambulante, con particolare riferimento all'esercizio dell'attività, al regime delle autorizzazioni e ai criteri per il rilascio delle concessioni, intervenendo anche sulle proroghe.

Previsto, ora, l'inizio di un breve ciclo di audizioni in commissione (Adriana Galgano, Civici e innovatori, vorrebbe ha chiesto di collegare il tema della deroga anche alle pdl sulle concessioni demaniali, il cui esame è iniziato da poco nelle commissioni congiunte Finanze e Attività produttive).

continua -in abbonamento

IAC

© Riproduzione riservata