Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

In Italia è stato un weekend elettorale (anche se nessuno lo sa)

province 26 settembre 2014

ROMA (Public Policy) - La legge Delrio, che ha trasformato le Province in enti di secondo grado e ha istituito le Città metropolitane, entra nel vivo. Al via la prima tornata delle elezioni di secondo livello delle nuove Province e dei consigli metropolitani: tra domenica 28 e lunedì 29 settembre si terranno infatti le prime votazioni, che interesseranno quattro consigli metropolitani (Milano, Genova, Firenze e Bologna) e 6 nuove Province (Bergamo, Lodi, Sondrio, Taranto, Vibo Valentia il 28 settembre e Ferrara il 29 settembre).

Le altre 4 Città metropolitane (Torino, Roma, Napoli e Bari) voteranno in ottobre, insieme alle restanti 58 Province. A ricordarlo attraverso una nota è l'Upi, l'Unione delle Province italiane. Nel dettaglio nella tornata elettorale del 28 settembre e del 29 settembre saranno eletti 78 consiglieri metropolitani; 6 presidenti di Provincia e 70 consiglieri provinciali.

In tutto, dunque 154 amministratori eletti dai Comuni che, a titolo gratuito e senza ricevere alcuna indennità, prenderanno il posto dei circa 500 consiglieri e assessori provinciali uscenti eletti direttamente. Infatti a votare per eleggere i 78 consiglieri metropolitani saranno 4.393 sindaci e consiglieri comunali. I 6 presidenti di Provincia e i 70 Consiglieri provinciali saranno invece votati da 5.718 sindaci e consiglieri comunali. Lo scrutinio dei voti e la proclamazione degli eletti si terranno tra lunedì 29 e martedì 30 settembre.

I presidenti di Provincia eletti una volta proclamati saranno immediatamente insediati, mentre i consigli si insedieranno a seguito della convocazione che viene effettuata dal sindaco del Comune capoluogo, per il consiglio metropolitano, e dal nuovo presidente di Provincia per il consiglio provinciale.

Al termine della tornata elettorale, che si concluderà il 14 ottobre saranno 986 sindaci e consiglieri al posto dei 2.500 attuali, che amministreranno, senza ricevere alcuna indennità, Province e consigli metropolitani: 64 presidenti di Provincia, 760 consiglieri provinciali e 162 consiglieri metropolitani.

I risultati delle elezioni saranno pubblicati, tra gli altri, anche sulla sezione dei siti Anci e Upi appositamente dedicata alle "Elezioni Città metropolitane e nuove Province".

I NUOVI ORGANI Nelle Città metropolitane si vota per eleggere i consiglieri metropolitani: il sindaco del Comune capoluogo è sindaco della Città metropolitana. Nelle Province si vota per eleggere i presidenti di Provincia e i consiglieri provinciali.

CHI VOTA L'elezione è di secondo livello, a votare sono i sindaci e i consiglieri comunali dei Comuni della Provincia.

CHI È ELEGGIBILE Sono eleggibili i sindaci e i consiglieri comunali, e, solo per le Province e solo per la prima tornata elettorale, anche i consiglieri provinciali uscenti.

IL VOTO PONDERATO Il voto di ciascun elettore è ponderato, è cioè proporzionale al numero di cittadini che il consigliere comunale e il sindaco rappresentano all'interno dell'intero corpo elettorale della Provincia, in base alla popolazione residente nel Comune di appartenenza. In caso di parità è eletto il più giovane. (Public Policy)

NAF

© Riproduzione riservata