Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

LEGGE ELETTORALE, AL SENATO IL TESTO DEL NUOVO EMENDAMENTO CALDEROLI

21 novembre 2012

(Public Policy) - Roma, 21 nov - Il senatore della Lega
Roberto Calderoli ha depositato in commissione Affari
costituzionali al Senato un nuovo emendamento sul premio di
maggioranza articolato in tre fasce. L'emendamento, che al
momento è all'esame dei gruppi, prevede che, con una
percentuale di voti dal 30 al 35%, si avrebbe diritto ad un
premio del 22,5%. In caso venga raggiunta invece una
percentuale di voti che va dal 35 per cento al 40 per cento,
il premio previsto è del 27,5 per cento e se si supera il 40
per cento dei voti si otterrebbe un premio del 35 per cento.

Calderoli ha anche allegato all'emendamento una tabella
sulla stima dei voti che si potrebbero raggiungere nei tre
scaglioni. Riportiamo il testo dell'emendamento.
"In sede di prima applicazione della presente legge, alla
lista o alla coalizione di liste che ha conseguito il
maggior numero di voti validi in ambito nazionale espressi
per le liste ammesse al riparto dei seggi, è attribuito un
premio articolato secondo i seguenti risultati: a) non meno
del 30 per cento e non più del 35 per cento; b) più del 35
per cento e non più del 40; c) più del 40 per cento".

"Alla lista o alla coalizione di liste che ha conseguito il
maggior numero di voti ai sensi del comma 2 il premio è
attribuito in ragione pari a una quota, arrotondata
all'unità più prossima, dei seggi già spettanti sulla base
del calcolo compiuto ai sensi dell'articolo 83, comma 1,
numero 4), del testo unico delle leggi recanti norme per la
elezione della Camera dei deputati, di cui al decreto della
Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361, come
modificato dalla presente legge". "Il premio è articolato
nelle misure seguenti: 22,5 per cento nel caso di cui al
comma 2, lettera a); 27,5 per cento nel caso di cui al comma
2, lettera b); 35 per cento nel caso di cui al comma 2,
lettera c)".

"A seguito dell'attribuzione del premio, la lista o
coalizione di liste che lo ha conseguito non può comunque
ottenere un numero di seggi superiore a 340. Il premio non è
attribuito nel caso in cui alla lista o coalizione di liste
che ha conseguito il maggior numero di voti validi spettano
più di 340 seggi sulla base del calcolo compiuto ai sensi
dell'articolo 83, comma 1, numero 4), del testo unico delle
leggi recanti norme per la elezione della Camera dei
deputati, di cui al citato decreto n. 361 del 1957, come
modificato dalla presente legge. Se nessuna lista o
coalizione di liste ha conseguito almeno il 30 per cento del
totale dei voti validi, tutti i seggi vengono ripartiti in
ragione proporzionale". (Public Policy)

EPA

© Riproduzione riservata