Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Lgbt, Guerra: l'Unar è competente nella lotta contro la discriminazione

Lgbt, Guerra: l'Unar è competente nella lotta contro la discriminazione 10 gennaio 2014

ROMA (Public Policy) - "Il contrasto alle discriminazioni è materia di competenza del Dipartimento pari opportunità, di cui l'Unar (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali; Ndr) è un'articolazione. La normativa del 2003 attribuisce dei compiti all'Unar, ma ciò non impedisce che ulteriori compiti possano essere attribuiti all'Ufficio per quanto riguarda le pari opportunità. In questo campo rientra la strategia nazionale contro la discriminazione nei confronti del mondo Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e transgender; Ndr), messa a punto a seguito degli impegni assunti dal governo italiano il 16 aprile 2013". Lo dice in aula alla Camera il viceministro del Lavoro con delega alle Pari opportunità, Cecilia Guerra, rispondendo a un'interrogazione del Nuovo centrodestra (prima firmataria Eugenia Roccella).

"Uno dei quattro assi prioritari d'intervento - aggiunge Guerra - è quello su media e comunicazione, in considerazione della potenzialità del settore nel promuovere sia la lotta alla discriminazione sia - anche inconsciamente - gli stereotipi". "Le linee guida ('per un'informazione rispettosa delle persone Lgbt', pubblicate sul sito della presidenza del Consiglio; Ndr) - precisa il viceministro - non sono, non vogliono e non potrebbero essere una carta deontologica, ma solo uno strumento di lavoro. Non c'è nessuna imposizione o previsione di multe. Sono frutto di un confronto seminariale fatto con la stampa, l'Ordine dei giornalisti e con il patrocinio del Consiglio d'Europa". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata