Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

L'ISTRUZIONE SECONDO MARIA CHIARA CARROZZA

scuola 06 giugno 2013

UNIVERSITÀ, CARROZZA: CHIARIRE LA FIGURA GIURIDICA DEL RICERCATORE

foto La Presse

Oggi il ministro dell'Istruzione Maria Chiara Carrozza
ha presentato al Senato le linee programmatiche del suo
dicastero. Ha parlato di molte cose, dai fondi per la
ricerca, all'edilizia, agli istituti paritari.


TUTTI I LANCI DI PUBLIC POLICY

ISTRUZIONE, CARROZZA: TRASPARENZA NELL'ALLOCAZIONE FONDI PER LA RICERCA

(Public Policy) - Roma, 6 giu - "Serve un orizzonte
pluriennale in cui il budget sia coerente con le strategie
che il Paese vuole percepire tenendo anche con il quadro
internazionale". Così la ministra dell'Istruzione,
dell'Università e della Ricerca Maria Chiara Carrozza sul
tema della ricerca, in audizione di fronte alle commissioni
Cultura e Istruzione di Camera e Senato.

Carrozza si augura anche di "superare il blocco del
turnover con l'introduzione di un vincolo di bilancio" e
maggiori "trasparenze delle politiche con applicazione di
criteri meritocratici per l'allocazione dei fondi e un
attento monitoraggio ex post dei risultati raggiunti e delle
azioni per centro di costo".

Aggiunge la ministra sul tema del riparto dei finanziamenti
pubblici: "Ciò presuppone un forte cambiamento culturale,
criteri lontani da un'ottica burocratica attenta più a
imbrigliare che aiutare il sistema".

Carrozza si augura anche un'iniziativa del Parlamento per
un "disboscamento della giungla normativa attraverso testi
unici" su scuola e università, perché c'è un "groviglio di
fondi normativi in tutto il settore, e ampio margine di
discrezionalità". I contenziosi "sono migliaia, non c'è atto
dell'amministrazione che non sia sottoposto a ricorsi".

SCUOLA, 12% STUDENTI FREQUENTANO ISTITUTI PARITARI

(Public Policy) - Roma, 6 giu - Il 12% dei ragazzi frequenta
scuole paritarie e l'1,2% delle risorse pubbliche vengono
date alle scuole private, circa 500 milioni all'anno. Lo
dice nel corso dell'audizione al Senato la ministra
dell'Istruzione Maria Chiara Carrozza "Occorre salvaguardare
il carattere plurale della scuola" aggiunge.

SCUOLA, DISPERSIONE SCOLASTICA AL 18% LONTANA DA OBIETTIVO LISBONA

(Public Policy) - Roma, 6 giu - L'Italia soffre di una
dispersione scolastica della popolazione giovanile del 18%,
dobbiamo scendere sotto al 10% previsto dalla strategia
europea di Lisbona 2020. Lo rende noto la ministra
dell'Istruzione, dell'università e della ricerca Maria
Chiara Carrozza, in audizione al Senato di fronte alle
commissioni Cultura e Istruzione delle due Camere.

SCUOLA, CARROZZA: INTERVENTO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA

(Public Policy) - Roma, 6 giu - Sugli interventi in edilizia
scolastica la ministra dell'Istruzione Maria Chiara Carrozza
annuncia che il Governo sta per avviare "un approfondimento
con importanti istituzioni come la Banca europea per gli
investimenti e la Banca dello sviluppo del Consiglio
d'Europa per un intervento straordinario".

Carrozza in audizione al Senato sulle linee del suo dicastero
aggiunge che sosterrà "tutte le iniziative parlamentari" che vanno
verso il sostegno dell'edilizia scolastica e cita la
proposta di legge a prima firma di Davide Mattiello (Pd) che
prevede la destinazione di una quota dell'8 per mille dello
Stato all'ammodernamento del patrimonio scolastico.

SCUOLA, CARROZZA: BISOGNA FARE DI PIÙ PER LA QUALITÀ

(Public Policy) - Roma, 6 giu - Bisogna "trovare soluzioni
condivise per il miglioramento della qualità della didattica
per passare da una scuola che dichiara il proprio operato
attraverso i piani formativi, a una scuola che renda noti
gli obiettivi e li verifichi con sistemi di valutazione
anche esterni".

Lo dichiara la ministra dell'Istruzione, dell'università e
della ricerca Maria Chiara Carrozza, in audizione al Senato
di fronte alle commissioni Cultura e Istruzione delle due Camere.
Aggiunge che è necessaria una "riflessione congiunta" sul tema della
valutazione della scuola.

SCUOLA, CARROZZA: NUOVO PIANO TRIENNALE DI STABILIZZAZIONE PRECARI

(Public Policy) - Roma, 6 giu - Un "nuovo piano triennale di
assunzione in ruolo del personale precario per
l'assorbimento delle consistenti masse di precari con
contratti a tempo determinato". Lo dichiara la ministra
dell'Istruzione, dell'università e della ricerca Maria
Chiara Carrozza, in audizione al Senato di fronte alle
commissioni Cultura e Istruzione delle due Camere.

In vista del nuovo anno scolastico Carrozza annuncia che le
assunzioni a tempo determinato "saranno limitate" per
"l'incidenza preponderante" del nuovo sistema pensionistico.
Il piano 2014-2017 riguarderà turn over per 44 mila unità.

SCUOLA, CARROZZA: MAGGIORI CONTRIBUTI A ISTITUTI TECNICI

(Public Policy) - Roma, 6 giu - A settembre ci sarà la prima
programmazione triennale per gli istituti tecnici (Its)
annuncia la ministra dell'Istruzione, dell'università e
della ricerca Maria Chiara Carrozza in audizione al Senato
di fronte alle commissioni Cultura e Istruzione delle due
Camere. Carrozza annuncia di voler "sostenere e sviluppare
ulteriormente" gli istituti tecnici "impegnandomi a
incrementare il contributo e a premiare le cinque esperienze
migliori".

UNIVERSITÀ, CARROZZA: SCANDALO IDONEI SENZA BORSA, PIÙ DELLA METÀ AL SUD

(Public Policy) - Roma, 6 giu - Solo il 7% degli studenti
italiani meritevoli hanno una borsa di studio statale per un
ammontare di 258 milioni di euro all'anno. L'Italia è ultima
e in controtendenza rispetto ai partner europei. Lo rende
noto la ministra dell'Istruzione, dell'università e della
ricerca Maria Chiara Carrozza, in audizione al Senato di
fronte alle commissioni Cultura e Istruzione delle due
Camere.

In Francia, continua Carrozza, il 25,6% degli studenti gode
di una borsa di studio per un ammontare di 1,6 miliardi, in
Germania il 30% (2 miliardi) in Spagna il 18% (943 milioni).
Tutti e tre i Paesi europei hanno aumentato le risorse
statali negli ultimi 5 anni: + 25,9% in Francia, +18% in
Germania, + 39% in Spagna. In Italia invece le risorse sono
state tagliate dell'11%.

Carrozza aggiunge che c'è uno "scandalo italiano" quello
degli "idonei senza borsa". Nel biennio 2010-2011 gli
studenti con diritto a una borsa sono stati 231 mila ma
l'hanno ottenuta solo 136 mila, "più della metà degli aventi
diritto e che non hanno avuto una borsa sono del
Mezzogiorno" conclude la ministra.

UNIVERSITÀ, CARROZZA: CHIARIRE LA FIGURA GIURIDICA DEL RICERCATORE

(Public Policy) - Roma, 6 giu - Serve "allentare i vincoli"
della ricerca e chiarire meglio la figura giuridica del
ricercatore. Lo chiede la ministra dell'Istruzione,
dell'università e della ricerca Maria Chiara Carrozza, in
audizione al Senato di fronte alle commissioni Cultura e
Istruzione delle due Camere.

La ministra aggiunge di voler "sviluppare una serie
articolata di interventi" che favoriscano "una reale
autonomia del ricercatore" che deve poter partecipare
"liberamente" a bandi di ricerca, alla gestione "diretta"
dei fondi e alla loro "portabilità geografica".

Carrozza aggiunge che bisogna introdurre una "specificità"
dal punto di vista giuridico del "lavoro della ricerca",
oggi equiparato a quello di un lavoratore dipendente:
"Occorre stabilire con maggiore chiarezza i compiti del
ricercatore e del tecnologo e il contenuto dell'attività di
ricerca che ha una sua specificità".

Tra le "azioni legislative" Carrozza annuncia agevolazioni
per il crowdfounding, per la defiscalizzazione degli
interventi in ricerca, attrezzatura e assunzioni di
ricercatori da parte delle imprese, finanziamento di servizi
di business angel e venture capital per le startup.
(Public Policy)

LAP

© Riproduzione riservata