Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

L'Italia sta per ratificare una Convenzione sulle scommesse illegali

calcio 10 ottobre 2017

ROMA (Public Policy) - Scadeva lunedì il termine per presentare emendamenti al ddl di ratifica della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla manipolazione di competizioni sportive, esaminato congiuntamente dalle commissioni Giustizia ed Esteri della Camera.

La ratifica attiverebbe anche nel nostro Paese la Convenzione, il cui scopo è "sollecitare i Governi ad adottare misure per evitare i conflitti di interessi tra gli operatori delle scommesse sportive e le organizzazioni sportive e si rivolge alle autorità di regolamentazione delle scommesse sportive per l'intensificazione della lotta contro la frode e le scommesse illegali".

COSA PREVEDE LA CONVENZIONE

La norma va a integrare altri testi che già riguardano la criminalità organizzata e la corruzione: la Convenzione sulla criminalità organizzata transnazionale e quella contro la corruzione, entrambe sotto l'egida dell'Onu, oltre a due altre Convenzioni promosse dal Consiglio d'Europa, una sulla corruzione e l'altra sul riciclaggio.

Il nuovo testo riguarda più specificamente le pratiche che non sono riconducibili a questi due ambiti, come per esempio le scommesse illegali. Una norma internazionale permette di stabilire un approccio globale nella prevenzione, individuazione e punzione della manipolazione delle competizioni sportive. Per raggiungere il numero più alto di Paesi firmatari possibile, è stata data la possibilità di sottoscrivere il testo anche a Stati non membri del Consiglio d'Europa.

continua - in abbonamento

ELI

 

© Riproduzione riservata