Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Lo spillo di Enrico Cisnetto

Lo Spillo - di Enrico Cisnetto 25 ottobre 2013

LO SPILLO di Enrico Cisnetto

(Public Policy) - Roma, 25 ott - Di slittamento in slittamento, il ddl per la Semplificazione nella pubblica amministrazione varato dal governo il 19 giugno scorso, anche a causa del precario equilibrio parlamentare, potrebbe non vedere mai la luce. Il provvedimento è arrivato in commissione Affari costituzionali al Senato l'8 agosto e lì rimarrà almeno fino al 18 novembre, termine ultimo per presentare gli emendamenti. Ma non semplificare sarebbe davvero una complicazione.

Infatti, le misure previste, oltre ad essere totalmente a costo zero, appaiono di buon senso e in grado di aiutare la vita di imprese e italiani. Quattro deleghe al governo per mettere ordine in materie complesse e diversi obblighi per la pubblica amministrazione che, finalmente, impongono che sia lo Stato al servizio del cittadino, e non viceversa.

Viene anche predisposto un "tutor d'impresa" che possa aiutare le aziende nella giungla burocratica e normativa, agevolazioni procedurali per le pmi che partecipano a gare d'appalto pubbliche e la semplificazione per le varianti ai permessi di costruire. Insomma, cose di buonsenso, che sarebbe insensato lasciar cadere. Anche perché ogni anno la burocrazia costa alle imprese fino a 100 giorni di lavoro e 61 miliardi di euro.

Il 2% del pil viene 'buttato' in adempimenti inutili e complicati. E poi c'è un costo ancor più oscuro, non quantificabile economicamente, ma anche più grande: la sfiducia che ogni italiano accumula in ogni esperienza di rapporto con la pubblica amministrazione, che lo tratta da suddito. E obbligare gli uffici pubblici ad utilizzare tecnologie informatiche e banche dati a disposizione in modo da mettersi al servizio del cittadino, e non il contrario, potrebbe anche portare una ventata di efficienza e produttività nel settore pubblico.

E Dio solo sa quanto ce ne sia bisogno. Se al Senato la commissione lascerà cadere il decreto, dovrebbe almeno cambiare la propria denominazione: da Affari costituzionali a Complicazione affari semplici. (Public Policy)

ECN

© Riproduzione riservata