Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Lo Spillo

salva banche 16 dicembre 2015

ROMA (Public Policy) - di Enrico Cisnetto - Sulle banche il governo ha fatto bene a intervenire, ma lo ha fatto male, pur non esistendo soluzioni indolori. Ora, però, può rimediare, almeno parzialmente, con un emendamento che può evitare danni peggiori.

Il crack delle quattro banche salite agli onori della cronaca - ma per favore non parliamo di "salva banche", perché nell'immaginario collettivo e all'estero sembra che dobbiamo salvare l'intero sistema creditizio nazionale - avrebbe potuto radere al suolo quegli istituti o essere pagato dai contribuenti italiani con 305 euro a testa.

Invece, per evitare trappola degli "aiuti di Stato", si è scelto di scaricare sulle altre banche che, con contributo "volontario" (si fa per dire), hanno finanziato il fondo interbancario che ha evitato il peggio. Quei soldi, però, escono dal bilancio di istituti quotati, danneggiando piccoli azionisti e investitori istituzionali.

Così, il governo ha presentato un emendamento al ddl Stabilità con cui si prevedono sgravi fiscali in modo da alleggerire il peso del salvataggio. Come riportato da Public Policy, l'emendamento prevede che siano esenti da Ires e Irap le plusvalenze e le minusvalenze derivanti dalla riduzione o conversione di strumenti di capitale (come le azioni) o quelle derivanti dalle modifiche su obbligazioni e altri strumenti di debito nell'ambito del bail-in.

Inoltre, l'esenzione comprenderebbe anche i conferimenti del fondo di risoluzione e delle somme versate a ripiano delle perdite a tutela dei depositi protetti. Speriamo vada in porto, come anche il provvedimento per cui le banche potranno dedurre interamente, anche ai fini Irap, gli interessi passivi dal reddito imponibile, finora solo al 96%. Queste misure "tampone", tra l'altro, potrebbero essere utili medicinali per le banche italiane.

Anche perché, come ha chiesto pure Mario Draghi, il nostro sistema del credito ha bisogno di più efficienza e redditività, in modo da sostenere l'economia reale.

Insomma, a volere vedere positivo, da una dolorosa ferita come quella del crack delle quattro banche, può arrivare una cura che migliori almeno un poco lo stato di salute degli istituti italiani. In fondo, in questa Stabilità sta entrando di tutto. Può entrare anche questo. Anzi, deve. (Public Policy)

@ecisnetto

© Riproduzione riservata