Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Lobby, servono regole sulla trasparenza dei decisori. Parla Petrillo

lobby 24 luglio 2016

di Leopoldo Papi

ROMA (Public Policy) - Di regolamentazione dell’attività di lobbying in Italia si discute da sempre.

Dal 1948, secondo una ricerca Unitelma-Sapienza, di prossima uscita sulla rivista giuridica “Percorsi istituzionali” (Cedam) sono stati presentati 59 ddl in materia, e 11 disegni di legge che riguardano le pubbliche relazioni, mai nessuno approvato.

Ci sono poi 135 norme di vario tipo nell’ordinamento che regolamentano in modo frammentario questo settore. Sono in vigore norme regionali in Toscana, Sicilia, Molise, Abruzzo e Calabria.

Da ultimo, tra varie peripezie legislative - tra cui il tentativo di inserire norme sul lobbying nel ddl Concorrenza in esame al Senato - è in esame a Palazzo Madama un ‘testo base’ sulla regolamentazione delle attività di lobbying, basato sul disegno di legge presentato dal senatore ex Movimento 5 stelle, Luis Alberto Orellana (oggi nel gruppo delle Autonomie).

Il tema è al centro di riflessioni e confronti tra le stesse istituzioni e i portatori di interesse. Entrambi i fronti sembrano concordare, a parole, sull’esigenza di maggior trasparenza nei rapporti tra decisori pubblici e mondo privato e riconoscimento della professionalità del lobbista. Ma nei fatti si fatica a trovare una sintesi.

Il 30 giugno scorso, nella sede di Confindustria, in viale dell’Astronomia, si è tenuto un seminario a porte chiuse su obiettivi e priorità di una legge di regolamentazione del lobbying, prendendo spunto dal testo base al Senato.

È stata una riunione riservata, ma che è sembrata quasi una convocazione di ‘stati generali’ sull’argomento: per la prima volta l’associazione degli industriali ha provato a mettere intorno al tavolo decisori pubblici - erano presenti il viceministro delle Infrastrutture Riccardo Nencini, il senatore Orellana e il relatore del regolamento sulle lobby alla Camera, Pino Pisicchio, oltre ad esponenti del settore come Patrizia Rutigliano, presidente di Ferpi, e Vito Basile, Managing Director della società di lobbying Burson Marsteller Italia - per confrontarsi su esigenze ed esperienze.

A quell’evento è intervenuto anche Pier Luigi Petrillo, professore di Diritto pubblico comparato alla Unitelma-Sapienza di Roma (tra l’altro, è il curatore della ricerca Unitelma qui ricordata) e di Teoria e tecniche del lobbying alla Luiss.

Nel 2013 ha coordinato, insieme all’attuale capo di gabinetto del ministero dell’Economia, Roberto Garofoli, il gruppo di lavoro costituito alla presidenza del Consiglio per scrivere il testo che avrebbe dovuto disciplinare, una volta per tutte, i rapporti tra decisori e lobbisti in Italia.

Quel testo fu inaspettatamente bocciato in Consiglio dei ministri, all’ultimo minuto.

D. PROFESSORE, COSA HA IMPEDITO FINO AD OGGI L’APPROVAZIONE DI UNA LEGGE ORGANICA SUL LOBBYING IN ITALIA?
R.
Ci sono due motivi che impediscono al Parlamento di approvare una legge sulle lobby. Il primo: non conviene al decisore pubblico e al politico una regolamentazione che renda trasparente il percorso di una decisione e gli interessi coinvolti. Il decisore italiano preferisce non far conoscere all’esterno i motivi delle proprie scelte, perché così evita di renderne conto al cittadino. In questo modo inoltre, può sempre pubblicamente dare la colpa qualcun altro.

Periodicamente sui giornali leggiamo che “è colpa delle lobby” se non passa la riforma dei farmaci di fascia C o delle licenze dei taxi. In realtà il problema non sono le lobby, che fanno il loro mestiere. È il decisore pubblico che sceglie di assecondare l’uno o l’altro portatore di interesse. Se ci fosse una legge sulle lobby tutto ciò verrebbe fuori.

Finché le lobby sono sconosciute, è molto facile dire che è colpa loro se qualcosa accade. Questo consente al decisore di non assumersi mai la responsabilità delle proprie scelte, anche quelle che soddisfano interessi molto parziali a svantaggio della collettività.

D. L’ALTRO MOTIVO?
R
. Il nostro sistema di relazioni tra rappresentanti del mondo privato si basa ancora molto su rapporti di clientela e parentela. Il privato si relaziona al decisore, non perché portatore di informazioni tecniche, indispensabili ai fini della decisione, ma perché è l’amico dell’amico.

Una norma che dicesse quali debbano essere le regole per rappresentare gli interessi presso il decisore pubblico, farebbe venir meno tutto questo sottobosco di faccendieri, di gente che si muove in virtù di clientele e parentela, che sono però quelli che poi portano consenso alla politica. Questo ‘sottobosco’ variegato di soggetti, periodicamente agli onori delle cronache per fatti criminali, fa lobby per evitare una legge che li spazzerebbe via.

D. A INTRODURRE OBBLIGHI DI TRASPARENZA, IN QUESTA SITUAZIONE, NON SI RISCHIA SOLO DI SPOSTARE ALTROVE LE SEDI DI RELAZIONE, E QUINDI DI PERDERE UN’OCCASIONE?
R.
Il rischio c’è. Questo è il motivo per cui rifuggo da tutte quelle proposte di legge che vogliono disciplinare ‘al secondo’ l’attività dei lobbisti. Oggi abbiamo una totale assenza di regole.

Se domattina avessimo mille regole potremmo stare tranquilli che verrebbero completamente disapplicate. Se ad esempio introduco l’obbligo di rendicontare tutti gli incontri nella sede della Camera, è chiaro che questi ‘migreranno’ al di fuori, in qualche altra sede informale. Norme troppo dettagliate e privative, incompatibili col contesto attuale italiano, presentano inevitabilmente molteplici possibilità per essere aggirate.

Passare dall’anno zero all’anno mille, dall’assenza di regole all’iperregolamentazione non funzionerebbe: siamo dei geni nello scrivere norme ed interpretarle poi a nostro piacimento. È accaduto a livello regionale, dove stiamo vivendo un momento epico per la regolamentazione delle lobby. Nel 2002 abbiamo avuto la legge toscana, del tutto inattuata.

Poi ci sono state le leggi di Molise, Abruzzo, Calabria e Lombardia, mentre la Puglia si appresta ad approvare la sua, voluta dal presidente Emiliano. Sono leggi inutili, scritte con la consapevolezza che saranno totalmente inattuate. A che serve? A mettere a posto la coscienza?

D. IN SINTESI, COME DOVREBBE ESSERE REGOLATO IL RAPPORTO TRA DECISORI E PORTATORI DI INTERESSE IN ITALIA?
R.
A mio avviso serve una proposta secca, semplice e sperimentale. Una norma che dica: per tre anni proviamo così. Esaurito il periodo di sperimentazione, verifichiamo l’impatto della norma e decidiamo se confermarla in modo permanente o rivederla. In questi tre anni, introduciamo regole non sui lobbisti, ma sui decisori pubblici. Questo è un punto centrale: rivoltiamo il tavolo.

Tutti disegni di legge in esame in Senato e alla Camera, vanno a regolamentare l’attività di lobbying. Alcuni dei quali si spingono quasi a creare una sorta di vero e proprio albo professionale, per cui, se non sei iscritto a questo registro non puoi esercitare l’attività. Quasi nessun ddl invece impone regole di comportamento ai decisori pubblici.

Piuttosto che andare a limitare e contenere un’attività del libero mercato, andrei a imporre una serie di norme di trasparenza sul decisore pubblico.

D. NEL MERITO, CON QUALI INTERVENTI SI PUÒ RENDERE PIÙ ‘ACCOUNTABLE’ IL DECISORE?
R.
Si può intervenire in vari modi. Prima di tutto con norme minime, come l’obbligo di pubblicare online l’agenda degli incontri con i portatori di interesse, ovunque essi si svolgano, secondo il “modello Nencini”, per capirsi (il viceministro, che ha scelto di pubblicare tutti i suoi incontri al Mit; Ndr). Un nodo cruciale è poi la trasparenza dei finanziamenti privati alla politica. Nessuno dei disegni di legge attuali tocca questo aspetto.

La nuova legge sul finanziamento della politica prevede l’abolizione del finanziamento pubblico, e l’introduzione di quello privato. Ma non ci sono obblighi di trasparenza. Il privato che finanzia la politica emerge solo se vuole scaricarsi dalle tasse il contributo che ha dato al partito o al candidato. Se sono una multinazionale che vuole finanziare un partito o un candidato, e non mi interessa il vantaggio fiscale, resto nella totale oscurità. È un’assurdità. Occorre specificare in una norma che chiunque finanzia la politica anche per un solo euro, viene inserito in un elenco pubblico di finanziatori, non c’è nulla di male.

E ancora: servono norme sulle ‘revolving doors’: in Italia siamo pieni di capi di gabinetto di ministri che cessato il loro incarico vanno a fare i lobbisti per le società con le quali interloquivano. E viceversa: lobbisti che diventano capi segreteria tecnica o capi di gabinetto di ministeri verso i quali facevano lobby. Attenzione: è lecito. Però rendiamolo trasparente.

Infine si possono far rispettare norme che già ci sono, come la legge che impone di accompagnare tutti i ddl con l’Air (Analisi impatto della regolamentazione), una relazione in cui si elencano i portatori di interesse incontrati. (Public Policy)

@leopoldopapi

© Riproduzione riservata