Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

I dolori di un consigliere M5s: pressioni se non sei allineato

m5s 10 novembre 2015

aggiornamento - Bertola ha precisato ulteriormente il suo pensiero, sempre su Facebook

ROMA (Public Policy) - Nel Movimento 5 stelle torinese, "se non si è allineati, ci si trova subito di fronte a una reazione collettiva aggressiva e sistematica, e a una pressione psicologica veramente pesante".

Lo scrive su Facebook Vittorio Bertola, consigliere comunale a Torino e candidato sindaco M5s per le amministrative del 2011 (che incoronarono Piero Fassino primo cittadino).

Bertola ha annunciato l'intenzione di lasciare ogni incarico politico a fine mandato, "a fronte della mancata fiducia" nei suoi confronti da parte di Chiara Appendino, sua collega in consiglio comunale e ufficialmente prossimo candidato sindaco del Movimento 5 stelle sotto la Mole.

Bertola si era infatti, come scrive lui stesso in un altro post, "offerto di aiutare Appendino in questa avventura come suo vice o comunque come parte della futura amministrazione, ma la proposta è stata da lei respinta".

Il consigliere M5s precisa comunque di non considerarsi un "ex amico" e di continuare "a sostenere appieno la candidatura di Chiara", pur continuando "a esprimere critiche quando non sarò d'accordo, come è giusto che sia in un progetto politico democratico".

"Speravo - continua - che il mio ulteriore passo indietro potesse mettere fine alle polemiche, e invece mi sono trovato in breve tempo un paio di dozzine di attivisti del Movimento 5 stelle di Torino, con cui ho lavorato in questi anni e dovrei lavorare ancora nei prossimi mesi, tutti a ripetere nei commenti, quasi identica parola per parola, una precisazione (ovvero che la scelta del vice sindaco sarebbe dovuta avvenire dopo le elezioni; Ndr) che per carità, è interessante e anche giusta, ma non sposta la sostanza delle cose; sappiamo tutti perfettamente cosa ha detto Appendino di persona e in riunione, e di sicuro non è 'ho fiducia in te e sono d'accordo con la tua proposta'". Ironicamente, credo che [...] questo dimostri esattamente il mio punto, ovvero la mancanza di fiducia nei miei confronti da parte del Movimento 5 stelle di Torino". (Public Policy) GAV

© Riproduzione riservata