Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

M5S E GIORNALISTI, SIBILIA: FANNO IL LORO MESTIERE. DI STEFANO: SI UMILIANO

05 aprile 2013

(Public Policy) - Roma, 5 apr - Il rapporto tra parlamentari
5 stelle e giornalisti non è mai stato facile, fin
dall'esordio del movimento all'interno di Camera e Senato.
Oggi che deputati e senatori si dirigono in autobus verso
una meta sconosciuta dove si terrà un summit con il leader
Beppe Grillo, inseguiti da frotte di giornalisti automuniti,
i parlamentari si dividono sul giudizio sui 'metodi' della
stampa italiana.

SIBILIA: NON RIDICOLIZZIAMOLI
"Basta pensare che il M5s spara indiscriminatamente sulla
stampa e i giornalisti - scrive su Facebook il deputato M5s
Carlo Sibilia - Basta ridicolizzare quelli che ci inseguono.
Da che mondo è mondo i giornalisti 'inseguono' la notizia e
parlano di politica. È giusto. Devono raccontare! Altra cosa
è la disonestà intellettuale di alcune persone, alcune
testate. Disonestà che danneggia l'Italia in tutte le
categorie, non soltanto in quella giornalistica!".

DI STEFANO: UMILIANO LA LORO PROFESSIONALITÀ
"La cosa che mi dispiace - scrive invece, sempre su
Facebook, il deputato Di Stefano - è che molti di questi
giovani giornalisti, che ci seguono in auto umiliando la
loro professionalità e svalutando un mestiere nobile, sono
pagati una miseria e costretti a portare un articolo. Su
cosa poi? Un incontro informale. Povera Italia...". (Public
Policy)

GAV

© Riproduzione riservata