Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

M5S, MORRA SU DIMISSIONI DE PIN: AVREMMO PREFERITO SAPERLO DA LEI

21 giugno 2013

M5S, MORRA SU DIMISSIONI DE PIN: AVREMMO PREFERITO SAPERLO DA LEI-2-


(Public Policy) - Roma, 21 giu - "Avremmo preferito sapere
delle decisioni della senatrice De Pin da lei e non da
altri". Lo ha sottolineato il capogruppo del M5S del
Senato, Nicola Morra, commentando le dimissioni annunciate
oggi dalla senatrice Paola De Pin, per solidarietà con la
collega Adele Gambaro, che questa mattina è passata al
gruppo misto.


Morra ha riferito che la senatrice De Pin aveva espresso
durante l'assemblea "in maniera corretta" i motivi del suo
disagio, "se ne era parlato, se ne era ragionato e senza
nessun altra comunicazione, e per una strana coincidenza, -
ha fatto notare Morra - in occasione di un altro importante
ballottaggio, quello di Ragusa, ha annunciato le dimissioni.
Noi puntualmente in coincidenza con i ballottaggi finiamo
per avere i primi titoli sui giornali perché siamo spaccati,
perché c'è una tensione che non riusciamo a governare al
nostro interno".


Morra ha riferito di non pensare a una "situazione di infiltrati"
ma "quanto meno a una non valutazione, o una sciagurata valutazione
dei tempi" di annunciazione delle dimissioni in prossimità di turni
elettorali.


"In passato - ha ricordato - anche i due di Taranto
(deputati ex 5 stelle; Ndr) hanno fatto la stessa
comunicazione il venerdì precedente alla tornata elettorale
delle amministrative. Ecco, in questo senso è mancata una
certa correttezza verso il gruppo, se De Pin avesse
aspettato lunedì non cambiava nulla, noi non tratteniamo
nessuno, anzi noi vorremmo che tutto avvenisse in questo
modo senza dover arrivare ad altre procedure".


Ma sulle dimissioni della De Pin Morra ha detto di avere
anche un altro sospetto: "Martedì - ha fatto notare - tutti
noi avremmo dovuto presentare la ricevuta del bonifico
effettuato per la restituzione delle indennità e delle
diarie. Tutti noi saremmo contentissimi, così anche la
senatrice in questione dimostrerebbe di avere la coscienza
assolutamente pulita, che lei in funzione degli impegni che
aveva sottoscritto si adeguasse a questo onere ed onore".


Morra ha anche ricordato che la senatrice in passato aveva
dato informazioni "di altra natura relative al suo disagio:
aveva avuto qualche problema con i gruppi del territorio da
cui veniva però - ha spiegato - tutto era stato in qualche
modo riassorbito con l'impegno da parte nostra di realizzare
al più presto possibile un confronto pubblico per chiarire
con chi di dovere queste tensioni". No comment di Morra
sulle notizie circolanti relative alla ristrutturazione
della casa che starebbe effettuando De Pin, "questo ha
risposto ai giornalisti - non lo so".


"Ora - ha concluso Morra - dobbiamo capire se questo addio
è il segno di una piccola emorragia, che si ferma da sé,
oppure l'indice di una grande emorragia. Ne parleremo nei
nostri prossimi incontri". (Public Policy)


EPA

© Riproduzione riservata