Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Mafia, ddl voto-scambio, commissione Giustizia Camera boccia tutti gli emendamenti

voto scambio 12 febbraio 2014

ROMA (Public Policy) - La commissione Giustizia alla Camera ha respinto tutti gli emendamenti - una decina, depositati da Forza Italia e Nuovo centrodestra - presentati al disegno di legge sul voto di scambio politico elettorale, confermando dunque il testo licenziato dal Senato che adesso deve aspettare il parere della commissione Affari costituzionali, prima di essere definitivamente licenziato dalla commissione e andare in Aula venerdi 21 febbraio.

Il testo, che è stato già approvato in prima lettura dalla Camera e dal Senato, sostituisce l'articolo 416-ter del Codice penale sullo scambio elettorale politico mafioso ribaltando, in sintesi, l'impostazione della legge attuale punendo non più chi "ottiene la promessa" ma chi "accetta la promessa", ed estendendo lo scambio anche a qualsiasi altra "utilità" invece che alla sola "erogazione di denaro".

Gli emendamenti dell'opposizione miravano sostanzialmente a ripristinare il testo così come era uscito dalla Camera quando al Governo c'era ancora Berlusconi con il Pdl, reintroducendo dunque anche il principio di consapevolezza. (Public Policy)

NAF

© Riproduzione riservata