Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

MALI, SALGONO A 115 MILIONI DI EURO I FONDI UE PER ASSISTERE LE VITTIME

19 febbraio 2013

(Public Policy) - Roma, 19 feb - La Commissione europea ha
aumentato il finanziamento degli aiuti umanitari in Mali di
22 milioni di euro per assistere le vittime del conflitto.
In totale salgono a 115 i milioni di euro stanziati per
interventi di assistenza dopo l'inizio della crisi a fine
2012.

"Nel Mali i più vulnerabili sono stati colpiti da una
triplice crisi l'anno scorso: prima la siccità, poi
l'instabilità politica e il conflitto", ha dichiarato a
Bruxelles Kristalina Georgieva, commissario europeo per la
Cooperazione internazionale, che ieri ha incontrato Django
Sissoko, primo ministro del Mali, per fare il punto della
situazione. "La nostra priorità - ha detto - è quella di
stabilizzare la fragile situazione della sicurezza
alimentare, che è stata aggravata dagli effetti della
violenza".

"Non dobbiamo dimenticare - ha detto ancora la politica
bulgara - che, a parte i 167 mila maliani che si sono
rifugiati nei Paesi vicini e i 227 mila che sono fuggiti dai
combattimenti nel nord, c'è ancora 1 milione di persone
colpite dalla crisi con urgente bisogno di assistenza
alimentare".

LE PAROLE DI PRODI A RADIO 24
L'ex presidente del Consiglio Romano Prodi è inviato
speciale Onu per la crisi nel Sahel, e ieri a Radio 24 ha
affermato, riferendosi agli scontri in Mali: "I terroristi
sono spariti senza combattere. L'interrogativo è dove siano
finiti: in parte nelle montagne, altri si pensa che siano
rifugiati in Libia oppure perfino in Tunisia".

LO SCENARIO
Oltre all'assistenza della Commissione, gli Stati membri
dell'Ue si sono impegnati con più di 42 milioni di euro di
aiuti umanitari al Mali dall'inizio del 2012. Per quanto
riguarda la crisi alimentare, la Commissione ha stanziato un
totale di 337 milioni (173 milioni per l'immediata risposta
a breve termine e 164 milioni assegnati per il medio
termine).

Ieri il Consiglio degli Affari esteri, infine, ha
formalmente approvato la missione militare europea di
addestramento (Eutm) delle forze armate del Mali. Alcuni
esperti sono già arrivati a Bamako, il primo contingente di
70 militari è arrivato l'8 febbraio scorso. Nelle prossime
settimane saranno inviati altri 400 militari. La missione
avrà un budget di 12,3 milioni di euro, con un mandato
iniziale di 15 mesi. Il quartier generale sarà a Bamako, ma
la base operativa degli addestratori è stata fissata a
Koulikoro. (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata