Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Terna e le piante "fuori fascia": serve un tavolo al Mise

energia 19 marzo 2015

ROMA (Public Policy) - Apertura di un tavolo presso il ministero dello Sviluppo economico per disciplinare la manutenzione delle piante fuori fascia. È la principale richiesta avanzata Francesco Zanuzzi, direttore del dispacciamento di Terna, durante un'audizione in commissione Attività produttive alla Camera in merito all'interruzione del servizio elettrico verificatasi il 5 e il 6 febbraio in alcuni comuni dell'Emilia-Romagna e della Lombardia a causa del maltempo.

Il taglio piante in vicinanza degli elettrodotti è regolato da un decreto ministeriale del 1988 che prevede la possibilità per il gestore di rete di eseguire il taglio con distanza variabile secondo il livello di tensione.

Al di fuori delle fasce di asservimento - si spiega in un documento depositato in commissione - "sono frequenti le cadute di piante che hanno determinato negli ultimi anni danni strutturali alle reti elettriche, in ragione dell'effetto trascinamento e della pendenza del terreno. È urgente assicurare la necessaria manutenzione dei terreni limitrofi alle aree asservite agli elettrodotti da parte dei proprietari privati", sostiene quindi Terna.

Zanuzzi ha poi illustrato che la società ha installato in via sperimentale oltre 700 dispositivi antirotazionali (contrappesi in grado di fornire una coppia stabilizzante che impedisce la rotazione del conduttore e il conseguente accumulo di neve) sulle campate delle linee elettriche in Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia e sta conducendo una sperimentazione di attrezzature di deicing, cioè scuotitori dei conduttori.

L'icing, infatti, cioè la formazione di manicotti di ghiaccio sulle reti, è stata la principale causa dei disservizi dello scorso mese, ha spiegato ancora Zanuzzi. Nel caso specifico dell'Emilia Romagna, la formazione di manicotti di ghiaccio ha raggiunto "dimensioni eccezionali" fino a 10-15 volte superiori al valore di riferimento standard per la progettazione, spiega la memoria depositata. (Public Policy) FRA

continua - in abbonamento 

© Riproduzione riservata