Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Manovra, verso ok commissione. Voto su pacchetto governo-relatore

Manovra, verso ok commissione. Voto su pacchetto governo-relatore 16 dicembre 2013

ROMA (Public Policy) - Fondo taglia cuneo, bonus bebè, sanatoria spiagge, 950 milioni per salvaguardare per altri 17mila esodati, soldi per la costruzione degli stadi ma senza "new town", rivalutazione al 95% delle pensioni fino a 4 volte il minimo, mini rata Imu differita al 24 gennaio, 100 milioni per le Forze dell'Ordine.

Queste alcune delle novità, contenute in emendamenti di relatore e governo alla Manovra, che restano da votare in commissione Bilancio alla Camera. La Commissione ha lavorato fino a stanotte alle 2 e ha ripreso l'esame oggi alle 18. Questa notte si sono votati gli emendamenti segnalati dai gruppi e le proposte delle commissioni parlamentari. Oggi quindi sarà la volta del pacchetto governo-relatore e degli accantonati. Si punta a chiudere in giornata per mandare il testo in Aula domani.

GLI APPROVATI: DA WEB TAX A BOLLO C/C
Tra gli emendamenti approvati nel week end c'è la web tax, fortemente voluta dal presidente della commissione Bilancio, Francesco Boccia, che impone a tutte le multinazionali del web che guadagnano in Italia di avere una partita Iva italiana. Approvata anche un norma antievasione del Pd per le transazioni che riguardano gli atleti professionisti, una sulla mobilità del personale nelle società a partecipazione pubblica (escluse le quotate) e quello per l'abolizione del bollo fisso di 34,20 euro su conti correnti e conto titoli.

Per quanto riguarda il cuneo sono state ritoccate le detrazioni Irpef, appesantendole sotto i 28mila euro. Un emendamento dei 5 stelle, poi, ha stabilito che i Fondi dell'8 per mille destinati allo Stato verranno utilizzati per la "ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento antisismico ed efficientamento energetico degli immobili di proprietà pubblica adibiti all'istruzione scolastica".

Per quanto riguarda la Sardegna, un emendamento approvato ha stabilito che il piano che il Commissario per l'alluvione in Sardegna dovrà predisporre per la ricostruzione, "deve prevedere meccanismi che favoriscano la delocalizzazione in aree sicure degli edifici costruiti nelle zone colpite dall'alluvione classificate nelle classi di rischio R4 e R3 secondo i piani di assetto idrogeologico, o comunque evidentemente soggette a rischio idrogeologico". Un altro emendamento, del Pd, approvato in commissione Bilancio prevede che non saranno applicate sanzioni ed interessi nel caso di insufficiente versamento dell'Imu.

GOVERNO-RELATORE: SPIAGGE, TAGLIA CUNEO, BONUS BEBÈ
Tra le modifiche proposte da governo e relatore, e che saranno votate oggi, c'è un un emendamento che prevede l'ormai famoso fondo taglia cuneo a cui saranno destinate "in egual misura" al taglio delle tasse su lavoratori e imprese le risorse della spending review e della lotta all'evasione. Un altro emendamento prevede poi semplificazioni per la realizzazione di nuovi stadi ma "esclude" che con essi possano essere realizzati "nuovi complessi di edilizia residenziale".

Vengono poi stanziati 100 milioni di euro alle forze dell'ordine, che vanno ad aggiungersi ai 149 milioni in più per gli straordinari già previsti nel testo approvato al Senato. Un emendamento del relatore poi ripropone il condono sulle spiagge, già proposto al Senato. Il testo di Maino Marchi (Pd) prevede che "i procedimenti giudiziari pendenti alla data del 30 settembre 2013 concernenti il pagamento in favore dell'erario statale dei canoni e degli indennizzi per l'utilizzo dei beni demaniali marittimi e delle relative pertinenze, possono essere integralmente definiti" pagando "in un'unica soluzione" il 30% delle somme dovute oppure il 70%, ma con una rateizzazione in nove anni. La domanda dovrà essere presentata entro il 31 gennaio 2014.

Il governo ha presentato inoltre un emendamento che sblocca fondi per il bonus bebè. Per quanto riguarda la mini rata Imu, un emendamento del relatore prevede che venga spostata dal 16 al 24 gennaio e che "a decorrere dal 2014 l'Imposta municipale propria relativa ai fabbricati rurali ad uso strumentale non è dovuta". Il governo ha poi presentato un emendamento che stanzia 950 milioni tra il 2014 e il 2020 da destinare a 17mila esodati. Nel testo del ddl era già prevista la salvaguardia per 6mila soggetti.

Con un altro emendamento il governo ha inoltre stanziato 126 milioni di euro per il 2014 ai Lavoratori socialmente utili (Lsu): 100 milioni sono destinati agli Lsu di Napoli e Palermo; 1 milione di euro ai comuni con meno di 50mila abitanti per la stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili con oneri a carico del bilancio comunale da almeno otto anni; 25 milioni di euro agli Lsu e ai lavoratori di pubblica utilità della regione Calabria. E ancora, un altro emendamento stabilisce che la rottamazione delle cartelle Equitalia valga solo se il contribuente paga "in un unica soluzione" entro il 28 febbraio 2014 le somme dovute, ovvero il 100% del debito ma senza mora e senza interessi per ritardata iscrizione a ruolo". (Public Policy)

VIC-SOR

© Riproduzione riservata