Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

MARÒ, FDI: GRAVE IL RINVIO DELLA CORTE INDIANA E IL SILENZIO DEL GOVERNO MONTI

Marò 23 aprile 2013

(Public Policy) - Roma, 23 apr - "È passato nel totale
silenzio mediatico e politico l'ennesimo rinvio della Corte
Suprema indiana chiamata a decidere sul caso dei due marò
italiani. Ad oltre un anno dal loro arresto, le autorità di
Nuova Delhi dimostrano ancora una volta una gravissima
mancanza di rispetto non solo per i due militari ma anche
per l'Italia. Ancora peggio riesce a fare il Governo Monti
che, non pago dell'ultima figuraccia internazionale su
questo tema, accetta di buon grado e senza battere ciglio,
l'ennesimo ingiustificato rinvio".

Lo dicono in una nota i tre fondatori di Fratelli d'Italia
Ignazio La Russa, Giorgia Meloni e Guido Crosetto in merito
alla decisione di ieri della Corte Suprema di New Delhi di
rinviare al prossimo 25 aprile l'udienza nella quale i
giudici dovranno pronunciarsi sulla questione se affidare le
indagini sul caso dei due marò italiani, Massimiliano
Latorre e Salvatore Girone, alla polizia antiterrorismo
indiana (Nia) o alla polizia criminale (Cbi)
"Ci auguriamo - aggiungono - che non diventi mai realtà
l'indiscrezione riportata da alcuni media secondo i quali
l'attuale premier uscente (Mario Monti; ndr) sarebbe un
papabile ministro degli Esteri del prossimo governo".

"Ci lascia letteralmente basiti - concludono - l'idea di
dover continuare ad affidare a Monti sia le sorti di
Salvatore Girone e Massimiliano Latorre che la credibilità
del nostro Paese". (Public Policy)

SOR

© Riproduzione riservata