Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Maxi-multe e agenti ad hoc: la Pa contro i portoghesi

biglietti tpl 02 marzo 2016

ROMA (Public Policy) - A livello medio nazionale l'evasione tariffaria nei mezzi pubblici locali, ovvero di coloro che salgono a bordo di autobus, tram e metro senza timbrare il biglietto, "è quantificabile in circa 450 milioni di euro di mancati ricavi".

È quanto si legge nella relazione illustrativa allegata al decreto legislativo sui servizi locali e il trasporto urbano a firma della ministra Marianna Madia.

Il provvedimento, come anticipato da Public Policy, introduce una stretta per contrastare l'evasione tariffaria.

Le aziende di trasporto pubblico, come Atac a Roma o Atm a Milano, potrebbero avvalersi di personale esperto per i controlli a sorpresa sui mezzi pubblici. Questi assumeranno l'incarico di pubblico ufficiali e saranno denominati "agenti accertatori".

Inoltre, il provvedimento P.a. - che ha recipito gran parte della riforma Delrio sul Tpl - prevede delle maxi-multe (fino a 200 euro) per chi non timbra il biglietto. (Public Policy) SOR

© Riproduzione riservata