Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

MEDIO ORIENTE, TERZI A CATHERINE ASHTON: RIATTIVARE MISSIONE UE A RAFAH

26 novembre 2012

(Public Policy) - Roma, 26 nov - Riattivare rapidamente la
missione doganale europea ai confini con la Striscia di Gaza
(Eubam Rafah - Eu Border Assistance Mission on the
Gaza-Egypt Border-Crossing) al fine di potenziare il
contributo che l'Ue può fornire al mantenimento della tregua
fra Israele e Gaza.

Lo chiede il ministro degli Esteri Giulio Terzi, all'Alto
rappresentante Catherine Ashton e agli Stati membri
dell'Unione europea. "L'obiettivo - si legge in una nota
della Farnesina - è quello di assicurare la riapertura dei
valichi e lo sviluppo economico della Striscia, per dare
sostenibilità alla tregua".

L'Italia suggerisce che "accanto alla riattivazione di
Eubam, vengano meglio utilizzati strumenti internazionali
idonei per prevenire il riarmo di Hamas attraverso i tunnel,
e sollecita, allo stesso tempo, un'iniziativa di alto
livello dell'Alto rappresentante Ashton per la convocazione
di una riunione del Quartetto (Usa, Ue, Onu e Russia) entro
la fine di gennaio, dopo le elezioni israeliane e
l'insediamento della nuova amministrazione Usa per il
rilancio del processo di pace".

DI COSA STIAMO PARLANDO
La missione Ue di assistenza alle frontiere per il
valico di Rafah (frontiera internazionale tra l'Egitto e la
Striscia di Gaza) è denominata "Eubam Rafah" (Eu Border
Assistance Mission on the Gaza-Egypt Border-Crossing).
L'impegno europeo scaturisce da un'intesa siglata il 15
novembre 2005 tra Anp (Autorità nazionale palestinese) e
Israele. Il personale non è armato e risiede ad Ashkelon,
nello Stato ebraico. È guidata dal 25 settembre dal
colonnello dei carabinieri Francesco Bruzzese del Pozzo.
(Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata